Ricerca:
                                                                                                                                                                                                  In questo periodo I Simpson non sono trasmessi su nessun canale televisivo Italiano, visita sempre l'Hoemrata e iscriviti alla NewsLetter per restare sempre aggiornato.                                                                                                                                                                                                   
il cartone il film il cartoneil cartoneextras

HOMEPAGE > IL CARTONE > PILLOLE LA SIGLA DI APERTURA

La sigla di apertura

Quale miglior incipit della stessa sigla iniziale? Da sempre accompagna tutte le puntate della serie con leggera genialità, sostenuta da una colonna sonora non eccelsa, ma sicuramente facilmente memorizzabile. Quest'ultima è stata composta nientemeno che da Danny Elfman, segno eloquente che sin da subito la produzione decise di cominciare in grande stile.

L'obiettivo che una buona sigla dovrebbe prefissarsi è quello di presentare e rappresentare al meglio le possibili storie ed i protagonisti che presto cominceranno ad animare le storie raccontate. Dunque, ne I Simpson, questo avviene?

Indubbiamente sì. Già nei primi istanti viene fornito al pubblico una visuale aerea dell'intera Springfield, città cardine attorno alla quale ruotano praticamente quasi tutte le puntate; quindi in primis è subito soddisfatta una delle principali curiosità dello spettatore.

La scena a questo punto la ruba Bart che, come ogni giorno fino alle tre del pomeriggio, è intento a scrivere e riscrivere alla lavagna una frase, sempre diversa, per punizione. Uno dei personaggi principali, quello su cui era inizialmente incentrata la serie, si toglie così sin da subito la maschera: un monello armato di fionda, simpatico ma irrispettoso, abbastanza sveglio ma assolutamente imprudente, qualità quest'ultima che si evince dal modo in cui si lancia fuori dall'aula sopra uno skateboard.

Palla ad Homer. Ora ci troviamo alla centrale nucleare, luogo in cui lavorano presumibilmente tecnici addestratissimi e preparati ad ogni evenienza. E invece non è così. Appena suona la sirena liberatoria (un eco flinstoniano), Homer smette istantaneamente di lavorare; distratto com'è non si avvede che una piccola barretta di carbonio radioattivo gli rimane impigliata, sicchè la scorrazza per tutta Springfield fino a che, orrore, la getta via dal finestrino con noncuranza come se fosse inconsapevole del danno che potrebbe creare (e probabilmente lo è!).

Marge e Maggie rispondono all'appello. Una donna dalla bizzarra pettinatura appare tanto presa a leggere una rivista che insegna come riuscire ad essere una buona madre, così tanto da non accorfersi che la piccola figlia, rapita dal suo ciuccio, viene passata al registratore di cassa e prezzata 847,63$, ovvero, secondo una statistica del 1989, il costo annuo medio per il mantenimento di un neonato. Cosa si può dedurre? Marge è troppo apprensiva e quadrata, in più i semplici vestiti portano a pensare possa essere una casalinga. Maggie... beh, al di là dell'avidità con cui succhia il suo immancabile ciuccio, probabilmente nella sua beata innocenza si caccerà in un sacco di pasticci.

Ora un'aula di musica; luogo di cultura. Una classe che suona ordinatamente. Una piccola alunna esce dagli schemi e comincia a sbizzarrirsi in virtuosistiche performance. Questa è ovviamente Lisa: colta, intelligente, indipendente, un po' eccentrica e sicuramente, almeno ascoltando la sua musica, sognatrice.

Ora tutti i cinque protagonisti riappaiono fugacemente mentre vagano per Springfield diretti a casa; utile stratagemma per presentarci uno spaccato di vita cittadina, una rapida ma completissima carrellata dei personaggi secondari e soprattutto ulteriori informazioni sul quintetto. Di Bart è significativo il modo in cui con lo skate scimmiotta un poliziotto; di Homer si nota l'incuranza già descritta con la quale si libera del carbonio; Maggie sembra guidare un auto, mentre è un'affettuosa Marge a farle credere ciò suonando all'unisono con lei il clacson; Lisa si muove in bici, mezzo simbolo di veicolo utile al corpo e all'ambiente.

Homer rischia ora di essere investito sia da Lisa che da Marge, poi di corsa tutti sul divano a guardare la tv in scene puntualmente diverse, surreali ed originali. Una degna chiusura che ci racconta di come, in modi ironici ed originali, si assisterà alla vita di una stereotipata famiglia media americana.

Ecco a voi una veloce carrellata di Video che riassumeranno quel che abbiamo descritto:

Un ultima curiosità: sapete come è stata lanciata la diciassettesima stagione della serie? Con questo video

A cura di Paolo (Zyw)