Ricerca:
                                                                                                                                                                                                  In questo periodo I Simpson non sono trasmessi su nessun canale televisivo Italiano, visita sempre l'Hoemrata e iscriviti alla NewsLetter per restare sempre aggiornato.                                                                                                                                                                                                   
il cartone il film il cartoneil cartoneextras

HOMEPAGE > IL CARTONE > EPISODI CAPSULA

Capsula

La storia di due SpringField [BABF20]

Capsula dell'episodio

fiogf49gjkf0d
[Bart si avvicina alla cuccia del Piccolo aiutante di babbo natale con una ciotola di cibo per cani in mano]
Bart: ecco a te bello, la pappa pazza.
[esce un tasso che divora cibo e ciotola. Bart indietreggia spaventato, fino a raggiungere il piccolo aiutante di babbo natale]
[Bart alterna lo sguardo incredulo tra la cuccia e il cane]
Bart: ehy! Me se tu sei qui, là dentro chi c’è?
[Bart e il Piccolo aiutante di babbo natale si affacciano all’ingresso della cuccia per vedere chi c’è. Dentro un tasso li guarda ringhiando]
Bart: ciapet un tasso! Scusa amico ma non puoi parcheggiare qui. [rivolto al tasso]
[Bart si allontana per prendere un rametto e ritorna subito]
Bart: forza tela… tela! [agitando il rametto contro la cuccia]
[la cuccia trema e si sente il tasso ringhiare. I due indietreggiano]
Bart [spingendo il Piccolo aiutante di babbo natale]: pazienza, hai rimediato un compagno di cuccia. [il Piccolo aiutante di babbo natale si rifiuta di entrare puntando le zampe contro la cuccia]

[Bart e Lisa in cucina davanti al portatile di Lisa]
Bart: ci dev’essere un modo per convincere quel tasso a sgommare.
Lisa: vediamo cosa mangiano i tassi.com. I tassi si nutrono principalmente di ermellini, arvicole e marmotte.
[Bart in piedi sulla sedia fruga tra le scatole della dispensa]
Bart: mmm… ermellini… ermellini…
Lisa: sono delle donnole, non si trovano sotto vuoto.
Bart: allora cos’è questo? [mostrando una scatola di mais]
Lisa: c’è scritto mais Baby...
Bart: devi sempre mortificarmi. [abbassando lo sguardo]
Lisa: ecco! In caso di bisogno qui dice che i tassi si nutrono di picchi. [cercando nel suo portatile]
Bart: perfetto...

[Bart alla staccionata sullo sfondo con Todd in primo piano]
Bart: ehy Todd! Ci presti il tuo picchio?
Todd [avvicinandosi]: sì certo! Ma ce lo devi ridare stasera entro le 6. E’ il suo compleanno.
Bart: ok... [e gli prende di mano il picchio]

[Bart si avvicina verso la cuccia col picchio in mano. La cuccia si scuote e il picchio sbatte le ali impaurito, picchiando in testa Barte volando via. Il picchio ride verso Bart mentre vola via ma finisce fulminato conto la luce ammazza zanzare]

[Bart e Lisa sono seduti e guardano la cuccia. Si avvicina Homer incuriosito e si siede anche lui]
Homer: la TV non funziona?
Bart: no, lì dentro c’è un tasso.
Homer: tasso un liocorno, Sarà sicuramente Milhouse!
[Homer si avvicina e infila un braccio nella cuccia e poi la testa]
Homer: Milhouse? Milh… [urla di Homer e rumore di morsi mentre il corpo di Homer si contorce]
Homer: c’è un alto tasso di tasso qui. [uscendo dalla cuccia decisamente malridotto] E’ un grifone. Bart ce l’hai un po’ di dinamite in camera tua?
Bart: a tonnellate...
Lisa: no! Non vogliamo ucciderlo. Chiamiamo la protezione animali.
Homer: ottima idea! Però poi chiamiamo il dottore per questa roba. [si alza la maglietta e si vedono gli organi interni]
Lisa: come ha potuto farti questo senza strapparti la camicia?
Homer: e che ne so io? Che sono un sarto?

[in cucina, Homer sfoglia le pagine gialle, vede una pubblicità di una ditta per la protezione animale e compone il numero al telefono]
Signorina al telefono: il numero che lei ha composto non è completo… vi prego controllate il prefisso.
Homer: prefisso? Ma è una telefonata urbana
[arriva Marge]
Marge: la società telefonica è rimasta senza numeri e allora ha dato alla città due prefissi diversi, una metà mantiene il vecchio 636 e l’altra metà, la nostra, ha il 939.
Homer [disperato]: 939? Ma che cacchio mi significa? Oh, la mia vita è stroncata.
Marge: ma va là. Ti devi solo ricordare altri tre numeri...
Homer: magari fosse così facile, scarrozza và.
[Homer si gira verso la finestra dove c’è il tasso]
Homer: abbiamo problemi più invadenti. [e il tasso se ne va]
[Homer prende il telefono per chiamare i giornali]
Homer: questa storia non mi va giù! Chiamerò giornali, i servizi di informazione, servizi taxi, tutti i service. Anche quelli più disperati.
[la cornetta emette il suono di numero sbagliato. Homer si rannicchia a terra preda a una crisi ripetendo ossessivamente quel suono]

[centrale nucleare, pausa pranzo. Homer a tavola con Lenny e Carl si scrive 939 sulla mano sinistra]
Homer: odio questo nuovo prefisso. Come se non avessi già un sacco di cose da ricordare... [si guarda la mano destra dove è scritto Lenny = bianco, Carl = nero]
Homer: è giusto questo? Non ti manca il buon vecchio 636 [pausa per guardare la mano destra] Carl?
Carl: mi non so quale sia meglio… il 6 s’è più vicino al 3 perciò c’è convenienza, ma eh il 9 ha meno a che fare con satana, il che è un bene in questo mondo così angelico.
Homer: quello che mi rode è che non c’hanno neppure avvertiti, questi quattro…
Carl: ma che dici? Hanno mandato tutti quegli spot in TV. E quella campagna radiofonica?
Lenny: senza parlare dei volantini lanciati dallo space shuttle e le due settimane trascorse al seminario sui prefissi.
Homer: non c’hanno detto neanche una parola.

[KBBL programma di Bill e Marty]
Bill: e c’è un ingorgo dovuto a un materasso sull’autostrada.
Marty: un materasso? Oh oh Joan Collins deve essere in città. [risate dei due e di Homer]
[jingle: fai il bravo]
[Homer seduto sul divano ascolta il programma alla radio]
Homer: dehihiho Joan Collins. Quella gnocca va a letto con tutti.
Marty: ok. è l’ora di regalare i biglietti per il concerto.
[jingle: ma di che state parlando?]
Marty: grande! Stiamo parlando degli Who!
Bill: regaliamo biglietti per il concerto che si terrà la settimana prossima nella storica arena “Motori di Ricerca Yahoo” a Springfield.
Homer: uh, gli Who! Amo i gruppi!
Bill: e ora telefoniamo a casaccio al nostro grande vincitore.
[jingle: telefoniamo a casaccio – cantata – ]
Marty: ok! Cominciamo con il 555 0 1 e 3!
Homer: uh! Il mio numero! [si avvicina di scatto al telefono pronto a rispondere]
[un’altra voce risponde alla radio]
Homer: ehy quello non sono io...
Bart: papà non rientriamo più nel loro prefisso.
Bill [alla radio]: congratulazioni! Lei avrà un rendez – vous con gli Who!
[Homer scaglia infuriato la radio per terra]
Homer: cazzarola! Non è giusto. [triste] Sono stato un fan degli Who fin dall’inizio, da quando si chiamavano i Bacarospi di Campagna
Bart: dovresti chiamare la stazione radio e dirgliene quattro.
Homer: buona idea! [compone il numero e il telefono emette il solito suono]
[Bart ride compiaciuto dello scherzo fatto al padre]
Homer: brutto bacaro…
[Homer infuriato strozza Bart col filo del telefono. Bart prende la cornetta e colpisce Homer in testa. I due vanno avanti fino a quando non cadono stremati a terra]

[Municipio di Springfield. La gente è seduta e divisa secondo le due numerazioni. Due cartelloni sullo sfondo con scritto 636 e 939. sul palco il sindaco Diamone Joe Quimby e la rappresentante della società telefonica]
Lindsay Neagle [la rappresentante della società dei telefoni]: so che alcuni di voi sono sconvolti per il cambio di prefisso. Soprattutto i più agguerriti, quelli con la dinamite.
[Homer annuisce soddisfatto ed ha un giubbotto esplosivo. Marge lo guarda con disapprovazione]
Lindsay Neagle: innanzitutto voglio dirvi che i vostri timori non hanno fondamenta e le vostre lamentele sono sciocche.
[mormorii dalla parte dei 939]
Lindsay Neagle: questo filmato vi spiegherà tutto con parole semplici e chiare.

[parte un filmato. Entra in scena un telefono parlante con gambe e braccia]
Cornet Mc Drindrin: salvetel sono Cornet Mc Drindrin mascotte e presidente della società dei telefoni e sono qui per spiegare perché la convenienza di un solo prefisso nella [voce fuori campo: nostra città] sia stata rimpiazzata dalla convenienza di due prefissi fissi.
Homer: ho una domanda signor Cornet ah ah drin.
Lisa: è un filmato pà.
Homer: taci tesoro il papà sta facendo una domanda al signor Cornet. [accarezzandole la testa]
Cornett Mc Drindrin: forse starete pensando certo è bello avere più di un prefisso e non mi secca pagare quell’aumento occulto di tariffa, ma come faccio a ricordare tutti quei numeri?
[cammina verso una porta la apre e viene travolto da una valanga di numeri]
Cornet Mc Drindrin [esce con una risata dal mucchio di numeri]: risolto! Gli scienziati hanno scoperto che anche le scimmie possono memorizzare 10 numeri. Voi siete più stupidi di una scimmia? [indicando verso la telecamera]
Winchester: una scimmia di che grandezza?
Cornet Mc Drindrin [ridendo]: non siete stupidi. Molto peggio... [sottovoce]
[fine del video. The end è scritto con i fili arrotolati del telefono]
Lenny: mi ha convinto. Un filmato così professionale non può essere che attendibile.
Dr Hibbert: sono d’accordo! Due prefissi sono più utili.
Abe Simpson [voce fuoricampo]: mi piace.
Homer [alzandosi in piedi]: un momento! Non abbiamo ancora sentito me, il pazzo con la dinamite. La società dei telefoni vi sta infinocchialando.
[mormorii di stupore dalla parte 939]
Homer: accuso la società dei telefoni di aver realizzato quel filmato per lo scopo prefisso...
Lindsay Neagle: certo è così!
[mormorii di stupore. Homer sale sul palco]
Homer: oh! Eh non voglio essere io il casinista, ma da quanto mi risulta tutti quelli che hanno mantenuto il vecchio classico prefisso 636 [virgolettando con le mani] vivono nella parte… ricca della città? Non è vero? [indicando col dito]
Mr. Burns: pinzillacchere...
Signora snob: ma dico io.
[al signore al fianco della snob cade il monocolo nel martini]
Homer: e come al solito noi plebei ci becchiamo il real inchiappettamento dell’anno.
Boe [alzandosi]: Homer ha ragione. Ci becchiamo lo special di Joan Collins.
[approvazione di tutti i “939”]
Homer: mi sono scassato! Non ci faremo più fregare da voi ricconi de...
Kent Brockman [interrompendo Homer]: e voi piccoli patetici caccolosi come ce lo impedirete?
Homer [spiazzato]: beh… io…
[tira fuori il detonatore per l’esplosivo, lo preme, ma non funziona]
Homer: gran bell’innesco Bart! [rivolto al ragazzo]
Bart: durante la prova funzionava.
Homer [buttando via il detonatore]: ok piano B. Compañeros 939 propongo di separarci e formare una città tutta nuestra!
[ovazione per Homer e i 939 se ne vanno dietro al loro capo]
Homer [uscendo]: adesso chi è lo stupido?

[cartello “entering Springfield” Homer scrive NEW con la vernice rossa]
Homer: see. Siamo ufficialmente una città. Ora ci metteremo sparapacchiati e aspettiamo la proposta di una squadra di football.
[si siede sulla sdraio e fischietta. Arriva un uomo con la valigetta degli Arizona Cardinals]
Rappresentante Arizona Caridnals: non ho potuto fare a meno di sentire, io rappresento gli Arizona Caridnals
Homer: smamma!
[l'uomo se ne va a testa bassa]
Boe: ottima decisione Homer. Saggia ed equilibrata.
Carl: forse te dovriamo far sindaco de Nuova Springfield...
Homer: sindaco?
[comincia a sognare. Nel far west. Homer con un fucile in mano che spara a raffica. Compare una scritta come il titolo di un film “il sindaco” “con Homer Simpson”]
Homer: accetto mal volentieri questa carica affascinante e strapagata. Sono mitico...

[la scena si sposta dall’altra parte della strada dove il sindaco Quimby svela il nuovo stemma di Vecchia Springfield]
Quimby: vi presento la nostra nuova targa. [applausi] Dico che il tempo dell’amarezza è passato. Offriamo ai nostri fratelli di Nuova Springfield il ramoscello d’ulivo... [viene colpito da una lattina di Duff]
Homer: Nuova Springfield vince! [risate]
Skinner: ridete pure, il simbolo della nostra città è più bello.
Homer: ah si? E quale sarebbe?
Skinner: l’uccello azzurro!
Homer : tienitelo!

[casa simpson. Cucina tutti a tavola]
Marge: altre frittelle signor sindaco?
Homer [con la fascia da sindaco]: leggi le mie labbra… se! [si porta alla bocca un pezzo di frittella e fa cadere della marmellata sulla fascia]
Bart: papà ti è caduta della marmellata sulla fascia.
Homer: no problema. Ecco là!
[la strappa e sotto c’è un’altra fascia]
Lisa: se lo chiedi a me…
Homer: ferma lì. [stoppandola con la mano]
Lisa [spostando la mano di Homer]: è stupido dividere al città per una cretinata come il prefisso. Sarebbe come se tu e mamma vi separaste ogni volta che litigate.
Homer: tessoro lo sai che mamma e io rimaniamo insieme solo per il bene della mia carriera politica.
Marge: questo non è vero.
[compare un fotografo alla finestra]
Homer: sorrisi smaglianti. [e bacia Marge per la foto] Andranno a ruba, mitico miticuzzo [beve il latte, si pulisce la bocca con la fascia e si alza] sono il vostro [mentre strappa la fascia e compare la scritta “ordinare nuova fascia”] sindacuzzo. Oh ne ho già usate 50.

[Bart e Milhouse sul prato a giocare a frisbee]
Milhouse: và lontano. [e lancia il frisbee che entra nel territorio di vecchia Springfield arriva ai piedi di Secco Jones, Patata e Spada]
Secco: ehy, guardate che ho trovato. Un frisbee ultimo grido.
Bart: ridammelo è il mio frisbee ultimo grido.
Secco: qui ti trovi a Vecchia Springfield. Ogni cosa da questa parte del parco appartiene a noi.
Patata: ehy. Anche i suoi pantaloni sono nel nostro parco.
Spada: prendiamoli...
[gli saltano addosso strappando i pantaloni di Bart. Se ne vanno ridendo]
Bart [guardando il suo zaino]: i miei compiti stanno nel vostro parco.
Patata: facciamoli! Preso!
[i tre sono sdraiati a scrivere]
Spada: cosa significa libertà per me.

[Jet Market]
Apu: ok. Bibita, banane e carta igienica. 50% IVA per stranieri... [battendo alla cassa]
Marge: IVA per stranieri?
Apu: mi dispiace signora Simpson. Ma esigere di più da voi gente straniera dobbiamo.
Marge: va bene. Spero che questa sia la migliore carta igienica sul mercato.
Apu: oh, non si preoccupi. è carta igienica pulisci cuscini.
Marge: oh… perché non l’hai detto prima? Ehy, c’è una toilette?
Apu: non per stranieri! [incrociando le braccia]
[Marge se ne va contrariata]

[Casa Simpson. Tutta la famiglia in sala attorno a divano e TV. Homer con una Duff in mano, Bart in mutande]
Marge: non capisco il perché ma non mi sentivo a mio agio finchè non sono tornata qui a Nuova Springfield con i miei simili.
Lisa: maa…
Marge: mi guardavano… con i loro occhi!
[Alla TV il telegiornale di canale 6. l’immagine alle spalle di Kent Brockman raffigura monte con la scritta “sprin gfield una città divisa]
Kent Brockman: l’audace esperimento di Nuova Springifield di avere un regime da coattoni [intanto sullo sfondo appare una foto di repertorio di Homer, Lenny, Carl e Boe vestiti appunto da coatti] si è rivelato un vero disastro.
Homer [smettendo di bere dalla lattina di Duff]: ehy! L’uomo TV sta parlando di noi eh?
Kent Brockman: alcuni studi dimostrano che la loro economia scatafatiscente è dovuta a pigrizia e svogliatezza.
Homer: come cacchio hanno fatto a scoprirlo?
Kent Brockman: gli scienziati dicono anche che sono fisicamente meno attraenti e mentre noi parliamo in modo garbato loro tendono ad usare espressioni terra a terra come “adi ghi” e “viè ‘n bo’ qui”
Homer: ah si? Si credono migliori di noi eh? Bart viè ‘n bo’ qui! [indicando il figlio]
Bart: viè ‘n bo’ qui te!
Homer: adi ghi… [minacciando Bart con un pugno]

[Homer e Bart arrivano in macchina alla centrale ed entrano di nascosto. Arrivano nella sala controllo]
Bart: papà non credo che questa sia una buona idea, sai?
Homer: grazie Marge… ah vediamo come se la cava la vecchia Snobfield senza elettricità. [e abbassa la leva che da energia a Vecchia Springfield]
[si spengono le luci di metà città]
Homer: mitico!

[Ospedale di Springfield. Sala operatoria, se ne va la luce]
Infermiera: oh no. Non si può operare un cuore al buio.
Dr. Hibbert: vogliamo scommettere?
Krusty [che è sotto i ferri]: scommetto anch’io.

[Laboratorio del professor Frink, alle prese con una sua invenzione]
Frink: ora trasporterò Sir Isaac Newton ai nostri giorni.
[aziona una leva e parte il processo di trasporto, ma viene a mancare la corrente]
Voce della macchina: attenzione corto circuito.
[si materializzano solo le gambe di Newton]
Frink: ah ah… per tutti i neuroni ommioddio [le gambe di newton corrono verso il professor Frink e cominciano a prenderlo a calci nel sedere] ehy aspetta aspetta… ehy ya oh sei solo la metà ma che male.

[casa Simpson alla sera. Homer, Marge e palla di neve 2 sono sul divano che guardano il TG]
Kent Borckman [due tecnici sorreggono due faretti. Uno si sta addormentando e l’altro si gratta il sedere]: come rappresaglia per il corto circuito i patrioti di Vecchia Springfield [e parte un filmato raffigurante Winchester, telespalla Mel, Apu e Skinner vestiti da indiani mentre svuotano i bidoni di duff nel fiume] hanno intercettato un camion di birra diretto a Nuova Springfield e l’hanno scaricato nel fiume.
Homer: mm.. quei ricchi indiani snobboni impaccati di soldi.

[Diga di Springfield. Homer, Carl, Lenny, Boe e Barney alle prese con la valvola di chiusura della diga]
Lenny: niente di meglio della ritorsione per rifarsi con qualcuno.
Carl: mi non so, ma la vendetta non s’è male.
[l’acqua si arresta]
Homer: mitico! Siete all’asciutto!
Quimby [a valle della diga assieme agli abitanti di vecchia Springfield]: ci hanno fregati! Senza acqua siamo spacciati.
Skinner: un momento cos’è quella sostanza dorata nel letto del fiume? [indicando le pepite che la secca ha messo in luce]
Dr. Hibbert: ma quello è oro! [ridendo]
[la signorina Kaprapall ha un’esclamazione di meraviglia e si precipita nel letto del fiume]
Mr. Burns: siamo un tantinello più ricchi!
[tutti si precipitano nel fiume. Arrivano anche due cercatori d’oro]

Kent Brockman [tutto adornato con collane, anelli e occhiali d’oro e al suo fianco un calice sempre d'oro mentre legge le notizie del TG]: con i soldi ricavati dall’oro la Vecchia Springfield è stata in grado di comprare la fabbrica dell’acqua Evian [le immagini mostrano quattro elicotteri che trasportano una fabbrica all’interno del letto del fiume] e trasportarla qui dalla Francia.
[Homer si dispera davanti alla TV]
Kent Borckman: grazie sindaco Simpson per merito suo navighiamo ancor più nell’oro! [alzando il calice d’oro. Risate di sottofondo] Che c’è? [allargando le braccia in segno di scherno]
Marge: non possiamo continuare a lottare contro la Vecchia Springfield sono tutti nostri vicini, li vediamo tutti i giorni.
Homer: hai ragione! Dobbiamo toglierceli dalla vista con un muro gigante!
Marge: come quello di berlino?
Homer: ottima idea! Meglio chiamare gli stessi muratori... [prende in mano la cornetta e compone il numero. Il telefono emette il solito suono per non aver composto il prefisso]
Marge: Homer...
Homer: sta squillando! [ignorando il suono]

[via principale di Springfield divisa dal muro appena costruito. Sotto appare la scritta “3 giorni dopo”. C’è un gruppetto di persone raccolto attorno ad un palco dalla parte di Nuova Springfield]
Homer [sul palco]: e voglio ringraziare l’edilizia “zitt zitt aum aum” per aver costruito questo incredibile muro [sutto il palco Tony Ciccione e i suoi scagnozzi ancora in tuta da lavoro annuiscono soddisfatti] con il 90% di materiali riciclati. [Homer si volta col pollice alzato e sorridendo verso Lisa e Bart che sta giocando con lo yo yo]
Lisa: sono molto combattuta...
Bart: e allora?
Homer: fedele ciurma di Nuova Springfield siete rimasti da questa parte della città ad onta della totale penuria di ospedali e scuole e con l’incubo di una fogna che minaccia di distruggerci tutti.
Carl: come faremo a magnar? La g’ha blocà tutte le strade. [voci di approvazione per Carl]
Homer: nessun tema. Siamo pieni di provviste per tutto l’indomani e poi l’annunciata epidemia dovrebbe aiutarci a sfoltire come dire, un po’... [viene interrotto dalle persone che scappano dall’altra parte arrampicandosi sul muro]
Homer: e smettila di scavalcare il muro. Aspettate almeno che termini l’oratorio. Ok, tornando al cibo le seguenti razze di cane sono commestibili. [viene calpestato da un fiume ancora più grande di persone che scappa]
Homer: non riesco a credere che tutti quei vermi siano scappati, [si avvicina una palla di erba mobile] a quanto pare siamo rimasti noi e l’erba mobile. [anche l’erba scavalca il muro. Homer si dispera]

[immagine dall’alto. Vecchia Springfield brulicante di macchine e persone in giro, Nuova Springfield deserta con i rifiuti per terra e una macchina rovesciata]
Bart [camminando per le vie della città con la sua famiglia]: papà sei sindaco di una città che non c’è!
Homer: quisquiglie. Non riesco a credere che quei traditori c’abbiano abbandonati. Non potevano sopportare neanche una carestia! [e rompe con un pugno la vetrina di un salumificio per prendere una salsiccia]
Lisa: papà stai sanguinando!
Homer: no problema. [rompe il vetro di una farmacia per prendere una garza e medicarsi] Comunque quei vermi tornerando strisciando, deh hi hi ho. Questa sera suoneranno gli Who! Uh uh uh...
Lisa: papà, l’arena è nella Vecchia Springfield
Homer: d’oh!
Bart: non arrenderi papone forse potremmo farli suonare qui gli Who!
Homer: ehy, forse si. Ma ci servirà una forma persuasiva inebriante... [sfregandosi il mento]

[si incammina verso un negozio “Solo Cloroformio” rompe la vetrata e prende una bottiglietta di coloroformio]
Homer: coraggio Bart, li porteremo qui gli Who! [bacia la bottiglietta di cloroformio e si accascia a terra. Bart lo prende a schiaffi]

[Hotel sette guanciali. Homer e Bart arrivano all’ultimo piano con l’ascensore escono e si guardano intorno con circospezione per vedere se c’è qualcuno. Poi partono e finiscono contro una grossa guardia del corpo]
Gorilla: posso aiutarla?
[Homer non sa cosa fare]
Bart: papà, il cloroformio... [sottovoce]
Homer: oh beh… giusto. Ti darò questa bottiglia di coloroformio se ci porti dagli Who! [tirando fuori la bottiglietta]
Bart: d’oh! [battendosi la mano in fronte]
Gorilla: ah, volete vedere gli Who eh? Vi ci porto io dagli Who! [e li prende i spalla scaraventandoli dentro la stanza degli Who] Ecco i vostri Who! Whori!

[Gli Who sono intenti a suonare e vengono interrotti dall’entrata di Bart e Homer]
Roger Daltrey: credevo l’avessimo licenziata quella guardia.
Gorilla: oh si certo. Sono stato licenziato dagli Who. Come Whoi tu amico. [si gira ed esce fischiando e roteando l’indice sulla tempia] Sono Whori… di testa
Homer [sdraiato in terra]: mitico gli who… [si alza di scatto assieme a bart e corre verso una lampada e la rompe per terra] Risolino [con voce acuta] mitico! Rock and roll! [urlando]
[Bart corre verso la batteria e la prende a calci]
John Entwistle: cosa diavolo stai facendo?
Bart: ovvio, sto distruggendo l’albergo.
Pete Townshend: ma abbiamo promesso al direttore che saremmo stati bravi.
Roger Daltrey: sì non vogliamo che ci proibiscano l’uso della piscina
Homer: com’è come non è il punto è che io sono Homer Simpson...
John Entwistle: il sindaco di Nuova Springfield?
Homer: proprio così!
Roger Daltrey: il sindaco pazzo di Nuova Springfield?
Homer: proprio così! E vi supplico di trasferire il vostro concerto nella nostra città. Non suonate a vecchia Springfield [pregandoli] o meglio nota come… Johannesburg...
Roger Daltrey: abbiamo un accordo, una stretta di mano col promotore del concerto e questo è un vincolo sacro.
Tutti e tre: vincolo sacro!
Homer: oh andiamo. Ma che fine hanno fatto i rabbiosi ribelli Who di “My generation”, di “Won’t get Fooled Again” e di “Mama’s got a Squeeze Box”
John Entwistle: conosciamo le nostre canzoni Homer...
Homer: ma quei riccocucchi di Xecchia Springfield vi faranno solo tagliare i capelli, abbasare il volume della musica, e indossare camice congolà alla Austin Power...
Roger Daltrey: Austin Powers? [tutti e tre fanno facce stupite e preoccupate] Consultiamoci.
[i tre fanno capannello e borbottano tra di loro ripetendo la parola who]
John Entwistle: accettiamo! [alzando il pollice]
Bart: e vai! [dando il 5 al padre]
John Entwistle: manda un taxi a prenderci...
Homer: a perché le vostre gambe non funzionano?
Roger Daltrey: ha ragione. Camminare ci farà bene.

[arena di Vecchia Springfield. Sul palco una grossa bandiera britannica con scritto “the Who” presented by Lemon Pledge]
Krusty [rivolto a telespalla Mel]: ho presentato gli Who a Woodstock. Avevo una parrucca tipo beatles e un ukulele. Hendrix disse che per poco non stramazzò. Sue precise parole.
Telespalla Mel: ah non mi stanco mai di questa storia.
[poco sotto Mr. Burns si osserva la piega nei pantaloni]
Mr. Burns: Smithers perchè hai stirato i pantaloni con la piega, sembro un quadrato...
Smithers: la piega sta nella sua gamba signore.
Mr. Burns: oh oh oh, si si è vero! [sfregandosi la piega con le dita]

[sul palco, il microfono è illuminato da una luce e sullo sfondo la gente chiama a gran voce gli Who]
[Skinner e kaprapall vestiti all’inglese anni ‘70]
Skinner: uhm… non è da loro essere in ritardo. Sono preoccupato... [comincia a sentirsi in sottofondo “The Seeker”]
Kaprapall: ma cos’è?
[la scena si sposta all’ingresso dell’arena e il capitano McMallister apre la porta]
Capitano McCallister: arr… sono gli Who. Io sono pronto a scommettere che si trovano nei bassifondi di Nuova Springfield. [guardando da una cannocchiale]
Boe [alzatosi in piedi e indossando una maglietta con la bandiera inglese]: Homer si è fregato la nostra esibizione rock! [dando un pugno sul palmo di una mano] Quel calvo stupido panzone ci fa dei tiri mancini terribili.
Telespalla Mel [alzandosi in piedi e gridando]: Chi è pronto a battersi?
[la folla inferocita corre fuori dall’arena in direzione del concerto]

[sopra al muro gli Who cantano “The Seeker”]
Roger Daltrey: come state laggiù Nuova Springfield? [facendo roteare il microfono]
[per strada solo la famiglia Simpson è presente e applaude]
Marge: a dire il vero fa un po’ freddino... [e si prende il microfono in testa] Ahio!
Roger Daltrey: levati di mezzo Marge!
Pete Townshend: ci aspettavamo molta più gente Homer...
Homer: ah non temete presto sarà qui e poi vedremo chi ha la città più bella. [nel frattempo Bart e Lisa aiutano una stordita Marge a rialzarsi]
[Homer sale sul muro dove stanno suonando gli Who e consegna un foglio a Roger Daltrey]
Homer: ecco. Ecco le canzoni che dovete suonare, eh?
Roger Daltrey: un momento. Homer, molte di queste sono dei Grand Funk Railroad.
John Entwistle: e noi non conosciamo 'Pac-man fever'...
Homer: oh suvvia, si suona da sola! [e strappa la chitarra dalle mani di Pete Townshend. Poi si mette a suonare e cantare] Ehy Lisa papà è uno degli Who! [salutando la figlia]
[trova una scopa piantata nel muro e ne strappa lo spazzolone mettendosela in testa. Mentre sta suonando e cantando gli arriva una bottiglia in testa]
Quimby [con la testa fasciata]: rivogliamo il nostro concerto, Simpson!
Homer: ora Nuova Springfield vi solletica a quanto pare eh? Qui ci sono ampi parcheggi, concerti quotidiani degli Who, non è vero?
Roger Daltrey: quotidiani?
Homer: ne parliamo dopo...
Boe: sì va bene, bando alle ciance. Vediamo se ti piace la spazzatura fiammeggiante.
[Rainier Wolfcastle, Willie, Kirk van Houten e Hans uomo talpa spingono una catapulta caricata con una palla infuocata di immondizia. Il primo lancio finisce nel deposito di gommoni incendiati]
Homer: ah ah ah avete beccato la discarica già in fiamme eh? Ora... [viene centrato in pieno dalla seconda palla e comincia a correre in tondo urlando con la maglietta in fiamme] Ahia ahia oh ma perché io? Oddio dio dio! Oddio dio dio! Brucio!
John Entwistle: gente, vi prego! Cos’è tutto questo pandemonio? [buttando dell’acqua addosso a homer]
Pete Townshend: a quanto pare hanno due prefissi diversi...
Roger Daltrey: ommioddio e sarebbe questo il pomo della discordia? [prende il microfono in mano] Perché non comprate dei telefoni con chiamata automatica, sarebbe a dire con la memoria. [la folla approva] Si trovano in qualunque negozio
Pete Townshend: questo lo dici tu...
Homer [urlando]: Magic Bus! [la folla lo segue nella richiesta]
Roger Daltrey: ok suoneremo Magic Bus. Se buttate giù questo muro!
Homer [dopo aver riflettuto un secondo]: Pinball wizard!
Pete Townshend: oh al diavolo! Lo faccio da solo... [e sposta il volume al livello “wuhu-oh!” oltre il 10. poi si prepara in posizione col braccio alzato. Comincia a suonare “Won’t get Fooled again” e le vibrazioni fanno crollare pezzi di muro aprendo un varco e facendo cadere Homer a terra]
[si apre una breccia e la gente passa dall’altra parte per ascoltare il concerto degli Who]
Homer: vedi Marge? Il tuo esperimento strampalato ha fatto cilecca... [rivolto alla moglie]
Marge: caspiterina sei stato tu a farti venire questa ide'... [Homer narcotizza Marge col cloroformio e la sorregge facendola ballare]

[la scena si allontana e va fino alle colline di Springfield dove un orda di tassi si prepara all’invasione della città]
Capo tasso: forza! Prendiamoli mentre ballano [e partono alla conquista della città]


[un caloroso ringraziamento a Fedegeta]