Ricerca:
                                                                                                                                                                                                  In questo periodo I Simpson non sono trasmessi su nessun canale televisivo Italiano, visita sempre l'Hoemrata e iscriviti alla NewsLetter per restare sempre aggiornato.                                                                                                                                                                                                   
il cartone il film il cartoneil cartoneextras

HOMEPAGE > IL CARTONE > EPISODI CAPSULA

Capsula

Siamo arrivati a questo: un clip show dei Simpson [9F17]

Capsula dell'episodio

fiogf49gjkf0d
[ Suona la sveglia… Bart la spegne, mugolando… ]

Bart [alzandosi dal letto]: oh, no! Non ci vedo! Sono cieco!! Sono cieco!!
Homer [tirando via il nastro adesivo dagli occhi di Bart]: eheh!!!! Pesce d’ Aprile!!!!!!! [correndo via]
[Bart entra in cucina, apre il frigorifero e prende del latte… nel frattempo c’è Homer che lo osserva da un angoletto, sorridendo diabolicamente… Bart fa una smorfia di disgusto dopo aver bevuto, e sputa tutto il latte in terra. Esce Homer dall’angolo…]
Homer [mettendosi le mani sui fianchi]: ahah!! Pesce d’Aprile!!! Sono sei settimane che tengo quel cartone del latte vicino alla caldaia, rospetto!!
Bart [indicando Homer]: preparati a incassare, Homer! Te lo faccio io uno scherzo!!
Homer: parli meglio di quanto sai fare scherzi!
Bart: ti farò uno scherzo super-mega-strafico!
Homer [con espressione sarcastica]: non riusciresti a fare scherzi a tua madre nel giorno più scherzogeno della tua vita, neanche se avessi una macchina lancia-scherzi!!
[Marge svuota il cartone del latte andato a male, tutta disgustata]
Marge [mugolando]: che fetoooore!! [prende una forchetta e tira fuori dal cartone del latte la “posa”, e la guarda tutta accigliata]
Homer[guardando al cielo]: ohhh! Qual nobile visionario ha inventato il Pesce d’Aprile….
Lisa: come Halloween e il Natale, il Pesce d’Aprile trova le proprie origini nel rito pagano.
Homer [allargando le braccia]: Dio benedica quei pagani!
Lisa: ma una volta il 1° d’Aprile era il Capodanno Pagano!

[si vede la scena di una statua pagana circondata dal fuoco, adorata da dei “primitivi” Simpson, che cantano e inneggiano la statua, avvenimento datato 1 Aprile 1022… ]

[Lisa: i cristiani cambiarono il loro calendario, deridendo coloro che non lo fecero…]

Homer [salutando la “primitiva” famiglia Flanders]: felice anno nuovo!
Ned: salve, salvino pagani! Il Capodanno è stato tre mesi fa, ma eccovi qui qua un dono[porgendo ad Homer un vaso] !
Tod: è sangue di ariete, per la vostra cerimonia senza Dio!
[Homer apre il vaso, sotto lo sguardo di Marge… appena aperto il vaso, volano fuori due serpenti, e Homer e Marge urlano di paura]
Ned [ridendo di gusto]: Pesce d’Aprile!!!! [ride anche il resto della famiglia Flanders, indicando Homer, che cambia espressione, digrignando i denti]

[la famiglia Flanders è legata a un palo, circondati dal fuoco, mentre la famiglia Simpson fa un ballo intorno a loro, inneggiando al cielo]

[sono di nuovo tutti in cucina]
Homer: e questa è la storia del Pesce d’Aprile…
Lisa [con tono di voce alto]: papà!!! La stavo raccontando io!
Homer: oh, giusto…

[si vede l’insegna de “L’Olandese sfrigolante: tutto a volontà. Qualcuno col cannocchiale sta spiando lo scarico dei prodotti per L’Olandese sfrigolante…. ]
Capitano: ahrrrr! Ecco che attracca! Pesce fresco di giornata!! [togliendosi il cannocchiale dagli occhi, nota che i camerieri dietro di lui ridono… si guarda allo specchio e nota un cerchio nero intorno all’occhio… ] Brutti barbari cagnacci!!! Da oggi in poi esigo la retina nei capelli!!!
[i camerieri sono affranti]

[Homer è in cucina, apre il frigorifero e si gratta il sedere… nel frattempo Bart lo guarda di nascosto…]
Bart [bisbigliando]: devo fargli uno scherzo entro la giornata! Ma quale? Deve pur avere una debolezza… [toccandosi il mento, pensieroso…]
Homer [chiudendo il frigorifero]: ahhhhh, birra! [alzando la lattina al cielo] L’unica mia debolezza! Il mio tallone d’Achille, diciamo!
Bart [esultando, ma bisbigliando]: birra!! La birra fungerà da esca! [pensieroso] Ma come usarla?
[Homer si china per raccogliere la lattina, la apre e si gira dall’altra parte per non prendere gli schizzetti di birra sul viso]
Homer: uh! Per fortuna la birra non si è agitata tanto…. Altrimenti mi sarei inzuppato come un pesce… un Pesce d’Aprile! Oggi va a fagiolo, sì, sì…
[Bart si strofina le mani, ridendo malvagiamente…]

[Ferramenta di Springfield, Bart è nella ferramenta, che sta agitando una Duff con una centrifuga per vernici…]
Commesso: ehi ragazzino, quello è solo per i clienti! [indicando la centrifuga]
Bart [con aria spensierata]: lo sai che qui fuori c’è uno che sta regalando delle salviettine imbevute?
Commesso [tutto eccitato]: wow!! Sono nel paradiso dei porcellini!! [andando via]
Bart [con sufficienza]: deficiente.

[In cucina. La Duff agitata sembra quasi esplodere nella lattina… che viene riposta con cura nel frigo da Bart. Bart si apposta dietro il muro, osservando Homer seduto sul divano che mangia delle patatine avidamente.]
[In tv c’è l’uomo Ape che impreca in spagnolo per la lavatrice che straripa di schiuma]
[Homer continua a mangiare le patatine imperterrito]
Homer [pensieroso]: oh, che sete… beh, che ci posso fare? [e ricomincia a mangiare patatine]
[Bart stringe il pugno e digrigna i denti. Poi osserva i comandi del riscaldamento domestico e li alza al massimo… la temperatura sale a dismisura, bolle il pesciolino rosso nella vaschetta, si sciolgono i vinili, Homer suda ma continua a mangiare…]

[In tv]
Speaker: il seguente è un annuncio informativo. L’eccessiva assunzione di alcool può causare danni al fegato e cancro al retto.
Homer [sudando sempre più]: che sete… [si alza, staccandosi rumorosamente dal divano e recandosi in cucina]
[Bart corre dietro al muro, per godersi la scena]

[In cucina]
Homer [aprendo il frigorifero e prendendo una Duff]: mmmmh! Dehiii! Mhmh… [solleva la linguetta della lattina…]
[Bart esce fuori, indicandolo, sta per aprire bocca]
[Esplosione!!! La finestra esplode insieme al tetto della casa]

[In strada]
Lou [ferma la macchina, vedendo il fumo da lontano]: we, quell’esplosione sembra provenire dalla casa di Homer Simpson!
Winchester [comodamente stravaccato in auto]: non ti agitare, è a due isolati da qui!
Lou [aguzzando la vista]: rilevo fuoriuscita di birra dalla canna fumaiola.
Winchester [alzandosi dal sedile]: io procedo a piedi, tu comunica un codice otto! [scendendo dall’auto e correndo verso la casa]
Lou [parlando alla ricetrasmittente]: ci servono dei salatini, ripeto, salatini!
[Winchester corre con la lingua di fuori verso la casa]

[Ospedale di Springfield]
[Il resto della famiglia Simpson è seduta in sala di attesa, con delle facce tristi. Arriva il Dr Hibbert]
DrHibbert [con tono grave]: signora Simpson, suo marito purtroppo è morto.
[Marge sconvolta, si porta una mano alla bocca]
DrHibbert [esplodendo in una sonora risata]: pesce d’Aprile!!!! è più vivo che mai! Temo [riacquistando un tono grave] però, che non potrà più camminare…
[La famiglia è scioccata]

[Nella stanza di Homer]
Homer [sulla sedia a rotelle, con un bastone in mano, canticchiando]: rema, la barca rema giù per il rusceeeeel…
[entra Marge, di corsa]
Marge [con tono alto di voce]: paaaaapi!! [correndo verso Homer, e abbracciandolo]
Homer [lanciando via il bastone e riabbracciandola]: marge!!
[Marge lo bacia]
[Si avvicina l’infermiere]
Infermiere [prendendo le lastre]: suo marito ha molti, molti problemi. [mette la lastra del cranio di Homer sulla tavola luminosa e le indica] Queste ombre sono lesioni cerebrali causate da numerosi colpi al capo.

[Homer pensa… In giardino, Bart che lancia una palla da baseball]
Bart: alè!
[Homer impassibile, viene beccato in piena testa dalla palla, cadendo a terra]

[Al campo di baseball, durante la partita, Homer viene beccato di nuovo dalla palla, cadendo a terra]

[In garage, appena sceso dall’auto, Homer viene beccato in testa da un rottame caduto da una precaria mensola]

[Al negozio di Apu, Homer è steso a terra, dorme con la testa tra le porte scorrevoli del negozio, sotto lo sguardo accigliato di Apu]

[In cantina, Homer solleva la sua “creazione”, ma sopra di lui arriva Maggie con un grosso martello, che lo colpisce in pieno cranio, mentre Homer urla a squarciagola… Maggie poi lascia cadere il martello e fugge via. Homer nel frattempo, prima di cadere si aggrappa a una tenda e lascia cadere un barattolo di vernice rossa, che si sparge affianco al suo corpo esanime e va a finire in un tombino]

[Nella stanza di Homer]
Infermiere [srotolando un elettroencefalogramma]: e le sue onde cerebrali sono preoccupantemente irregolari.

[La famiglia Simpson si sottopone a un test a cura del Dottor Monroe]
Monroe: lei è collegato elettricamente ai membri della sua famiglia. Ha la possibilità di dar loro la scossa, e loro di darla a lei…
[Bart preme un pulsante e dà la scossa a Homer, che urla]
Bart: era solo una prova!
[Homer dà la scossa a Bart, che urla. Poi Bart dà la scossa a Lisa, urlando a sua volta.]
Marge [arrabbiata]: come hai potuto dare una scossa alla tua sorellina?
Bart [scusandosi]: mi è scappato il dito… [riceve una scossa e urla]
Lisa [rivolgendosi a Bart]: anche a me, sa… [riceve la scossa da Bart, urlando. Gli ridà la scossa e Bart strilla.]
Marge [accigliata]: bart e Lisa, smettetela!!! [preme un pulsante e dà la scossa a entrambi]
[Bart dà la scossa a Homer, e cominciano a darsi la scossa tutti i membri della famiglia, tra urla]
Monroe: aspettate! Non così! Aspettate!! Aspettate un momento!!
[Nel laboratorio cominciano sbalzi di corrente, che si propagano per tutta Springfield]

[Nella stanza di Homer]
Infermiere: signora, riesce a pensare a qualcosa che possa spiegare tutto questo?
Marge [preoccupata]: non ne ho idea… può darsi si tratti di quella volta quando precipitò da quel dirupo…

[Bart e Homer sul ciglio del dirupo]
Bart [abbracciato al padre, con tono dispiaciuto]: non salterò più, te lo prometto!
Homer [piangendo]: grazie a Dio… grazie a Dio!! [abbracciando Bart] Grazie a Dio!
Bart: ti voglio bene, papà!
Homer: anche io ti voglio bene, figliolo [asciugandosi una lacrima]. Sai, ragazzo, credo di non essermi mai [nel frattempo sta scivolando via] sentito così vicino a te, come in questo… eh???
[Homer comincia la sua folle corsa sullo skateboard verso il dirupo, urlando, sotto lo sguardo scioccato di ragazzini]
[Homer salta il dirupo, cercando di equilibrarsi sullo skate, tutti lo guardano senza fiato]
Homer: ce la farò, ce la farò! Questo è il più bel brivido della mia vita!! [saltellando sullo skate sospeso nel nulla] Sono il re del mondo!!!!! Wooooo!!!
[A pochi centimetri dall’altra sponda, comincia a precipitare, urlando. Comincia a rotolare sui cespugli, sulle rocce aguzze… arrivato sul fondo, sanguinante, si becca anche lo skate in testa]
[Arrivano i soccorsi con l’elicottero. Sollevano Homer con una barella appesa a un cavo, ma gli fanno battere la testa a tutti gli spuntoni di roccia. Caricano la barella sull’ambulanza, che dopo pochi metri si schianta contro un albero, facendo aprire il portellone e facendo precipitare Homer nuovamente nel dirupo, che urla, beccando di nuovo cespugli e rocce, stavolta beccandosi la barella sulla testa]

[Stanza di Homer]
Infermiere: ah, non basta comunque a spiegare quello che vedo qui… [indicando le lastre]
Marge [accigliata]: lei ha una faccia conosciuta… ci siamo già incontrati?
[Arrivano il Dottor Hibbert e Bart]
Infermiere [con tono imbarazzato]: ehm…

[Ospedale Veterinario di Springfield]
[La famiglia Simpson porta il Piccolo Aiutante di Babbo Natale al veterinario]
Veterinario [cercando di rianimare un criceto]: indietro!! [rivolgendosi all’infermiera] Indietro!!
[Cardiogramma piatto per il criceto]
Infermiera [quasi piangendo]: dottore, se n’è andato…
Veterinario [disperato]: è questo l’aspetto che odio di più del mio lavoro… [chinando la testa]
[Il veterinario prende il criceto e lo getta via, facendo canestro nel cestino]

[Stanza di Homer]
DrHibbert [indicando l’infermiere]: ah! Quindi lei è un veterinario…
Infermiere: proprio così. E per appena venti dollari, farò a Homer un bagno antipulci e un vaccino antirabbia.
Bart [porgendogli venti dollari]: ecco a lei, dottore!
Marge [accigliata]: bart!!!
Bart [con aria spensierata]: fatti un giro, è un prezzo imbattibile!

[Stanza di Homer, che è nel suo letto]
Homer: vi sarete preoccupati non poco per me.
Lisa: sappiamo che hai una pellaccia, papà. Ricordi quando ti sei perso nella foresta?

[Nella foresta, Homer e Bart]
[Homer prende un ramo e ne fa una trappola]
Homer: questa è una trappola, ci catturerà la nostra cena. Coraggio, ragazzo!
[Si nascondono dietro i cespugli]
Homer: shhhhh! Guarda lì…
[Un coniglio si avvicina, entra nella trappola, mangia la foglia sotto lo sguardo soddisfatto di Homer…]
Homer: ah-ah!! Preso!!
[Ma il coniglio viene catapultato altrove]
Homer: e va bene, va bene. Questa volta vado io in quei cespugli lì, faccio un gran casino per snidare un coniglio, e quando schizza fuori, tu lo becchi! Anzi, lo schiacci!
Bart: agli ordini!
[Homer si reca verso il cespuglio, ci entra ma ne esce fuori con addosso scoiattoli e conigli che lo mordono. Homer urla e si rotola a terra, sotto lo sguardo allibito di Bart]
Homer [sofferente]: toglimeli di dosso!! Toglimeli di dosso!! Bastaaaaa!!!

[Stanza di Homer]
Marge: è vero, hai grosse capacità di cavartela.

[Giardino di casa Simpson.]
[Un ufo sta atterrando proprio lì, sotto lo sguardo incredulo di tutta la famiglia. Homer sta mangiando]
Homer: ragazzi, i vostri hamburger si stann… oooh Santi Numi! [addentando il panino] Ma… che….
[Un raggio preleva Lisa, portandola nell’ufo. La stessa cosa accade a Bart, Maggie, Marge e Homer… però Homer è pesante e il raggio viene potenziato…. L’ufo riparte]

[Stanza di Homer]
Bart: e c’è un cartone animato di Grattachecca e Fichetto che credo non dimenticheremo mai!

[Cartone animato di Grattachecca e Fichetto]
[Fichetto dà una martellata sulla testa di Grattachecca, a cui volano via gli occhi dalle orbite, e comincia a cercarli con le zampe… nel frattempo Fichetto gli porta due candelotti accesi di dinamite, che scoppiano nelle mani di Grattachecca]

[Stanza di Homer]
Marge: ma cosa ti viene in mente??
Bart [alzando le spalle]: beh, è un episodio divertente! Ciucciati il calzino!

Homer: oh, grazie per essere venuti a trovarmi…
Boe: ti ho portato un pensierino… [porgendogli una lattina di Duff]
Homer [impaurito]: no! No! Birra dare dolore!
Barney: non ce la faccio a vederlo in questo stato! [scansa Boe, prende un cuscino e lo mette sul viso di Homer, soffocandolo. Homer è esanime. Barney prende la fontanella, spacca la finestra della stanza, e fugge via]
Boe [guardando fuori la finestra]: lui ha davvero bisogno di una femmina! [rivolgendosi a Homer]

[Homer è sulla sedia a rotelle, vicino a Marge]
Homer: oh, Marge, e se diventassi un vegetale? Immobile, sul divano a guardare la tv. [sospira] Il mio importantissimo lavoro non sarà mai completato…
Marge: una perdita per la società, suppongo. Il nostro matrimonio ha attraversato momenti difficili, ma noi ce la siamo sempre cavata.

[Alla centrale nucleare]
[Marge va alla ricerca di Homer, attraversando tutta la centrale… poi trova Homer, gli picchietta sulla spalla]
Homer [sorpreso]: eh? Uh?! Marge!!! Che bellissima sorpresa… sei qui per me, vero?
[Marge gli si lancia al collo]
Marge: naturalmente!!
[La centrale esulta mentre Homer prende Marge in braccio]
Lenny [applaudendo]: così si fa, Homer! Così si fa! Yuhuuuuu!
Addetto: ehi, cosa racconto al capo?
Homer: digli che vado sul sedile posteriore dalla mia macchina con la donna che amo, e non sarò di ritorno prima di dieci minuti!
[La centrale esulta, mentre Marge e Homer escono]

[Ospedale di Springfield]
Dottore: puoi farcela, Homer! Alzati!
Homer [sulla sedia a rotelle, affranto]: non posso…
Dottore [all’infermiera, bisbigliando]: non c’è verso di schiodarlo, ho provato qualsiasi cosa… non c’è niente che lo smuova…
[Il dottore e l’infermiera escono]
[Homer nota il distributore automatico di dolciumi… e alza la testa, mugolando.]
Homer: cioccolato…cioccolato… cioccolato…

[Homer è nella Terra della Cioccolata. Insegue coniglietti di cioccolato, mangia la pioggia di cioccolato, tira un morso a un palo di cioccolato, mangia un pezzo di cane di cioccolato, poi corre verso una vetrina]
Homer: ah, cioccolato a metà prezzo….

[Stanza di Homer]
[Homer si alza dalla sedia a rotelle, fa piccoli passi verso il distributore automatico]
Homer [ansimante]: ahhhh, cioccolato…
[Mette una moneta nel distributore, seleziona ma si blocca. Comincia a tirare pugni al distributore, imprecando, ma il distributore gli cade addosso, lasciando cadere dei cioccolatini nella sua bocca]
Homer: oh, cioccolaaato, cioccooolato, cioooccolato…. [le parole vanno scemando]

[Stanza di Homer, Homer sul letto e Abraham Simpson al suo capezzale]
Abraham: povero Homer… [triste] questo mondo non era adatto ad un essere bello come mio figlio…
[Homer apre la bocca e ne esce della bava]
Abraham [arrabbiato, prendendo una sedia]: ah, lo ammazzo! L’ammazzo!!!
Marge [fermandolo]: no, nonno, ti prego!! Non vedi che è in coma?
Abraham [accigliato]: in coma? Umpf! Io, entro ed esco dai coma continuam… [si appisola]
…..un toast, per favore!
Lisa: il coma è doloroso?
Abraham: oh, macchè! Rivivi stagioni dimenticate, baci fanciulle del liceo… è come uno di quegli show televisivi dove si vedono spezzoni da vecchi episodi!
Bart [con aria interrogativa]: mh, già. Comunque… chissà cosa gli passa per la testa, adesso…

[Homer è in auto, sta per appisolarsi…]
[Chiude gli occhi mentre guida e comincia a sognare… si trova nel Paese del Sonno, vede letti che vanno sulla strada, l’auto precipita giù dal ponte, ma lui viene risollevato da angeli, che trasformano l’auto in letto. E Homer dorme… si risveglia che ha la macchina semi-distrutta]

[Stanza di Homer]
[Entra il signor Burns molto violentemente]
Burns [arrabbiato]: ah! La mia convenzione sanitaria sborsa cinquemila dollari al giorno per quest’uomo! Esigo che muoia con dignità!! [stacca una spina]
DottHibbert [prendendo la spina]: senta, il dottore qui, sono io!
Burns: allora, esigo un altro parere!
DottRiviera: saaaalve a tutti quanti!!
[In coro] Dott Hibbert, Burns, Lisa, Marge, Bart e Abraham: salve, dottor Nick!
DottRiviera [picchiettando con un martelletto sullo stomaco di Homer]: oh, perbacco! Non vedo per niente segni di vitamine! E, comunque, per andare sul sicuro, io penso che è meglio staccare la spina.
[Burns stacca la spina violentemente]
Burns [malvagiamente]: presa!!
Marge [prendendo la spina]: signor Burns, come può essere così spietato?
Burns: donna, lei non ha idea di quante me ne ha fatte passare quest’uomo!

[Alla centrale]
[Homer nell’ufficio di Burns]
Homer: ehm, signor Burns, ho bisogno di un prestito…
Burns: ah, prego, dì pure… [avvicinando la mano al pulsante “Security”]
Homer: so che lei è un brav’uomo [Burns toglie la mano] e io un cane che sta molto male…
[Burns preme ripetutamente il pulsante]
Burns [con voce interessata]: oh, prego continua…
Homer: ho pensato che forse lei… oh. [notando i due individui della sicurezza affianco a lui]
[La sicurezza lo porta via]
Homer: grazie per il tempo concessomi.

[Ospedale di Springfield]
Frink: io avrei una soluzione poco ortodossa, diciamo pure un viaggio allucinante. Eheh… Tre scienziati, di cui una bellissima donna, saranno rimpiccioliti a misura microscopica. Poi, [indicando un disegno di Homer nudo] si daranno appuntamento nell’intestino crasso del signor Simpson.
[Tutti fanno un’espressione disgustata]
Frink: beh, a dire il vero, abbiamo incontrato notevoli difficoltà a trovare volontari, eheh…

[Lisa è accanto al padre in coma]
Lisa: vorrei tanto averti conosciuto meglio, papino… ma ci sono state volte in cui eravamo in sintonia…

[Homer entra nella stanza di Lisa, mentre lei suona il sassofono. Si siede sul letto. Lisa smette di suonare]
Lisa: ciao, papi! Vuoi che dia un taglio a questo chiasso infernale?
Homer [rassicurante]: ah, voglio sentirti suonare…
Lisa: perché?
Homer [scocciato]: un padre deve dare delle spiegazioni? Fammi partecipe del tuo talento, forza!
[Lisa comincia a suonare, Homer si strazia e comincia a piangere. Lisa allora suona una musica allegra]
Homer [allegro]: eh, così va meglio!! Yuhuu!! [comincia a cantare e ballare]

[Stanza di Homer]
[Lisa è al suo capezzale, col sassofono]
Lisa: questa l’ho scritta per te, papi. [Comincia a suonare]

[Bart al capezzale di Homer]
Bart [affranto]: papino, mi dispiace… so di non essere stato un figlio perfetto.

[Camera da letto di Homer, sul comò c’è il barattolo “Spiccioli di Homer, non toccare!”. Bart entra furtivamente nella stanza e trafuga il barattolo. Si avvia verso la porta, quando esce Homer dall’angolo in mutande]
Homer [arrabbiato]: brutto bacarospo!! [insegue Bart, ma inciampa in un guantone sulle scale e comincia a rotolare verso Bart. Bart fugge simulando Indiana Jones]
Homer: che diavolo…?
[Bart corre verso l’uscita del garage, Homer preme il pulsante per chiudere la serranda, ma Bart se la cava e si avvia verso il pulmino della scuola, mentre Homer si schianta contro la serranda. Bart sale sul pulmino, mentre Homer impreca]

[Stanza di Homer]
[Bart al capezzale di Homer]
Bart [triste]: so di averti fatto arrabbiare, di tanto in tanto…

[Bart ripensa a quante volte Homer abbia detto : “D’oh!” per colpa sua]

[Al capezzale di Homer]
Bart: e qualche volta mi sono cacciato nei guai…

[Giardino di casa Simpson]
[Lisa sta mangiando un gelato, quando arriva rotolando Bart in un bidone della spazzatura]
Lisa: bart, non puoi continuare così…
Bart: lo so. [tossisce e sputa il cappello]

[Stanza di Homer]
Bart: ma tu ti sei sempre preso cura di me…

[Homer davanti la tv]
[Marge: homer, piove che Dio la manda. Puoi dare un’occhiata ai ragazzi?]
Homer [guardando sulla capanna sull’albero, mentre Bart e Milhouse si picchiano]: stanno bene.

[Stanza di Homer]
Bart: e qualunque cosa accada, non scorderò mai i consigli che mi hai dato…

[Cameretta di Bart]
Homer: coraggio, ora vieni con me e ti insegno a raderti!
[Bagno]
Homer: …e infine, questa piccola zona sotto il naso… poi prendiamo della carta igienica, ne strappiamo dei piccolissimi quadratini e li mettiamo uno qui, e qui, ovunque tu stia sanguinando… qui, qui, non preoccuparti, il sangue li terrà appiccicati sulla faccia… e adesso si passa al… dopobarba! [versandosene un po’ sulle mani…] uh! Uh! Uh! [urlo agghiacciante] Figlio di… !!
Uh! [tornando calmo] ed è così che ci si rade!

[Stanza di Homer]
[Bart al suo capezzale, piangendo]
Bart: papuccio, è tutta colpa mia… l’ho agitata io quella birra. Era solo un Pesce d’Aprile…
[Il cardiogramma comincia a diventare irregolare, le mani di Homer si spostano, la sua bocca s’inarca e comincia a digrignare i denti. Sul cardiogramma appare la sagoma di Bart. Homer apre gli occhi]
Homer [arrabbiatissimo]: brutto bacarospo!! [strozzando Bart]
Marge [sorridendo]: papi! Ti sei ripreso!
Lisa: siamo di nuovo una famiglia!
[Marge abbraccia Maggie e Lisa, mentre Homer continua a strangolare Bart]

[Sala d’attesa dell’Ospedale di Springfield]
Homer: per festeggiare questo momento, andremo tutti alle Hawaii!! [sorridente]
[La famiglia esulta]
Homer [ridendo di gusto]: pesce d’Aprile!! Per altri due minuti almeno…
Bart: papà, è il sedici maggio!
Lisa: sei stato in coma per sette settimane.
[Homer è sorpreso, Marge annuisce. Ridono tutti di gusto]
Marge: hai perduto il 5% del tuo cervello.
Homer: io perdere cervello? Oh, no…
[Ridono sonoramente]
Homer: perché io ridere?


[un caloroso ringraziamento a Sab85]