Ricerca:
                                                                                                                                                                                                  In questo periodo I Simpson non sono trasmessi su nessun canale televisivo Italiano, visita sempre l'Hoemrata e iscriviti alla NewsLetter per restare sempre aggiornato.                                                                                                                                                                                                   
il cartone il film il cartoneil cartoneextras

HOMEPAGE > IL CARTONE > EPISODI CAPSULA

Capsula

Occhio per occhio dente per dente. [9F15]

Capsula dell'episodio

fiogf49gjkf0d
[Palazzo super sorvegliato. Un'orchestra sta suonando nel corridoio. La scena si sposta su una tavola imbandita, con al centro una 'Venere di Milo' di ghiaccio. Un uomo attira l'attenzione su di sè, tintinnando una posata contro un bicchiere.]
Senatore Mendoza: amici miei, questa sera sveleremo la più diabolica delle mie creazioni. [Mostra una provetta.] Sfarzo, dieci volte più assuefacente della marijuana!
[i commensali esclamano stupiti]
Senatore Mendoza: all'infelicità umana! [La statua di ghiaccio sulla tavola si rompe, rivelando McBain al suo interno.]
McBain: saluti on the rocks!
Senatore Mendoza [Sorpreso]: McBain!
[McBain uccide tutti, tranne Mendoza.]
Senatore Mendoza: ah, McBain! Felice che tu sia intervenuto. Una tartina al salmone?
McBain: grazie mille... Argh! [McBain cade come morto. Risata diabolica del Senatore Mendoza.

[Homer e Bart stanno guardando il film davanti alla televisione.]
Bart: questo qui è perfido fino all'osso!
Homer: è solo un film, figliolo... Non esiste nessuno così perfido nella vita reale.

[Centrale nucleare: Burns ride guardando un operaio sospeso nel vuoto, attaccato ad una corda]
Mr. Burns [parlando all’interfono]: Smithers, dov'e quell'esponente del sindacato? E' in ritardo di venti minuti!
Smithers: non lo so, signore. E' sparito da quando promise di dare una ripulita al sindacato.

[Un campo di football. Si vede una sagoma umana sotterrata, un giocatore ci inciampa sopra.]
Giocatore di football: ma che cavolo...

[Ufficio di Burns. Ora c’è anche Smithers]
Mr. Burns: allora diamolo noi uno sguardo al contratto. Mhh: indennità, gratifiche, un biscotto verde per la festa di San Patrizio... Oh, una volta non era così, Smithers. No, no, non era affatto così...

[Springfield, 1909. Insegna: 'Frantumazione degli atomi'. Un giovane Burns, con un lecca – lecca in mano, e suo nonno visitano la fabbrica di quest'ultimo.]
Nonno Burns: forza, forza, frantumate quegli atomi. Tu! [Indica un operaio] Svuota le tasche! ...Atomi! Uno, due, tre, quattro... sei atomi. Portatelo via!
Operaio: lei non può trattare gli operai in questo modo. Un giorno formeremo un sindacato, e avremo il trattamento equo e imparziale che ci meritiamo! Poi tireremo troppo la corda, e diventeremo corrotti e inefficenti, e i giapponesi ci mangeranno vivi!
Nonno Burns: i giapponesi, quegli allevatori di pesci rossi con i sandali ai piedi. Ah, idiozie, asinerie!

[Giorni nostri.]
Mr. Burns: se solo avessimo dato ascolto a quel ragazzino, invece di averlo murato in quel vecchio forno a carbone! Beh, [battendo il pugno sulla scrivania] io vendicherò mio nonno, sfideremo quell'avido sindacato, e ci riprenderemo la nostra convezione... odontoiatrica!

[Dal dentista; insegna: 'Odontoiatria indolore, ex odontoiatria dolorosa'. Ralph Winchester è sulla poltrona.]
Dr. Wolf: quante volte ti lavi i denti, Ralph?
Ralph: sei volte al giorno, dottore!
Dr. Wolf [Arrabbiato]: perchè devi trasformare il mio studio in un covo di bugie?
Ralph [piagnucolando]: ha ragione... non li lavo, non li lavo...
Dr. Wolf: diamo uno sguardo ad un libro illustrato: il grande libro dei sorrisi inglesi. [Il dentista sfoglia il libro. Sono raffigurate varie persone con i denti rovinati. L’ultima immagine è del principe Carlo]
Ralph [piagnucolando e coprendo l’immagine con la mano]: oh, basta così, basta così...

[Sala di aspetto. Bart sta parlando a un gruppo di ragazzini in attesa della visita]
Bart: al dottor Wolf piace estrarre i denti ai bambini, così può venderli...
Bambini: davvero?
Bart: quello che sentite quando agitate una bomboletta di spray, quello è il dente di un bambino!
[I bambini si terrorizzano]

[Il dr. Wolf sta esaminando con un dito la bocca di Maggie]
Dr. Wolf: i denti di Maggie stanno spuntando storti. Per caso è dedita all'uso del ciucciotto?
Marge: ehm... Non che io sappia.
Dr. Wolf: bugiarda! [puntandola con l’indice]

[Bart, Lisa, Maggie e Marge sono seduti davanti alla scrivania del dentista. Maggie prende un dente e lo usa come ciucciotto]
Dr. Wolf: temo che anche la piccola Lisa avrà bisogno dell'apparecchio ortodontico.
Lisa: oh no, sarò socialmente impopolare ancora... ancora di più!
Marge: ne è sicuro, dottore?
Dr. Wolf: guardi, giudichi lei stessa. [Accende il computer.] Questa è Lisa oggi; se non si cura ecco come sarà all'età di undici anni... quattordici anni... diciasette anni... e infine diciotto anni! [Sul computer le immagini sono sempre più mostruose. Lisa è molto preoccupata.]
Bart: fico! Sarà un attrazione da circo!
Marge: Bart!
Bart: potremo andare in tournè per il sud e far pagare un quarto di dollaro per un occhiata!

[Casa Simpson. Homer alla TV.]
Annunciatore TV: e ora rimanete sintonizzati per la lotta libera professionisti in diretta dal Grovigliarum di Springfield. Stasera un match texano micidiale: il Dottor Montanaro contro lo Yuppie di Ferro... Uno di questi sarà addirittura smascherato e ucciso sul ring.
Homer: spero che venga ucciso quello Yuppie di Ferro, si crede un superuomo.
Marge: Homer, Lisa ha bisogno dell'apparecchio.
Homer: non preoccuparti, con lo sciopero dell'88 abbiamo anche la convezione odontoiatrica. E lì mi sono beccato questa cicatrice...

[Davanti alla centrale nucleare]
Carl: cos'è che vogliamo?
Manifestanti: trattamento! Più equo! Dell'amministrazione!
Carl: e quand'è che lo vogliamo?
Manifestanti: subito!
Homer: dov'è il mio panino! Dov'è il mio panino! Dov'è il mio panino! [Homer prende una botta in testa] Ouch!
Homer: poi mi sono beccato questa cicatrice infilandomi di straforo sotto la porta di una toilette a pagamento.

[Assemblea dei lavoratori della centrale. Insegna: 'Fratellanza internazionale di ballerini jazz, pasticcieri e tecnici nucleari']
Carl: benvenuti, fratelli, alla sessione 643. Come ben sapete, il presidente è sparito dalla circolazione, preghiamo di rivederlo al più presto vivo e vegeto... [Risata collettiva dei partecipanti all'assemblea.] Bene, ma passiamo alle cose serie: dobbiamo votare il nuovo contratto. Diciamo che è la stessa roba, eccetto l'offerta di un barilotto di birra per la nostra riunione. [Esultanza collettiva] Perciò dobbiamo rinunciare alla convezione odontoiatrica, ciò. [Tutti corrono verso la birra]
Lenny [con un boccale di birra in mano]: addio, convezione odontoiatrica!
[Homer è turbato da qualche cosa. Dentro di sè sente le voci di Lenny e Marge.]
Voce di Lenny: convezione odontoiatrica!
Voce di Marge: a Lisa serve l'apparecchio.
Voce di Lenny: convezione odontoiatrica!
Voce di Marge: a Lisa serve l'apparecchio.
Voce di Lenny: convezione odontoiatrica!
Voce di Marge: a Lisa serve l'apparecchio.
Voce di Lenny: convezione odontoiatrica!
Voce di Marge: a Lisa serve l'apparecchio.
Voce di Lenny: convezione odontoiatrica!
Voce di Marge: a Lisa serve l'apparecchio.
[Un collega, per scherzare, lascia cadere una matita tra le chiappe di Homer. Carl ride.]
Homer: tante grazie, Carl! Ora ho perso il filo dei miei pensieri!
Voce di Lenny: convezione odontoiatrica!
Voce di Marge: a Lisa serve l'apparecchio.
Voce di Lenny: convezione odontoiatrica!
Voce di Marge: a Lisa serve l'apparecchio.
Homer: se rinunciamo alla nostra convezione odontoiatrica... Mi toccherà pagare l'apparecchio di Lisa! [si alza sopra la folla urlando] Uh, fermatevi! Non possiamo rinunciare alla nostra convezione. Lenny, senza quella convezione tu non avresti quel diamante nel dente!
[Lenny sorride. Un uomo ruba il diamante e scappa]
Uomo: preso!
Lenny: ehy!
Homer: e Joe Gengiva, tu dove saresti senza quella Convezione odontoiatrica?
Joe Gengiva: beh, non avrei di certo il mio vecchio foratore! [Apre una lattina di birra con l'unico dente rimasto.]
Homer: sapete cosa ne penso di questo contratto? Questo!
[Lo strappa. Esultanza collettiva. Burns spia l'assemblea con una telecamera nascosta.]

[la scena passa nel suo ufficio]
Mr. Burns: chi è quell'agitatore?
Smithers: oh, quello è Homer Simpson, signore.
Mr. Burns: Simpson. E' uno nuovo?
Smithers: a dire il vero, lui ostacolò la sua campagna elettorale. Lei investì suo figlio, lui salvò la centrale dal rischio di una fusione, e sua moglie la dipinse nudo!
Mr. Burns: nudo? Non mi dice proprio niente!

[Tutta l’assemblea acclama: Homer! Homer! Homer!]
Carl: propongo che Homer Simpson sia il nostro nuovo presidente del sindacato. Chi è a favore?
[tutti alzano la mano gridando: io!]
Carl: chi si oppone?
Voce: io.
Carl: congratulazioni, Homer!
[La gente lo solleva in trionfo]
Homer: ehy, quando rende questo lavoro?
Carl: niente.
Homer: d'oh!
Carl: a meno che tu sia corrotto!
Homer: woo-hoo!
[In primo piano un brindisi con due boccali di birra]

[Casa Simpson]
Marge: presidente del sindacato! Sono tanto fiera di te, papino. [Lo bacia]
Lisa: questa è la tua occasione per ottenere l'uguaglianza per i lavoratori!
Homer: e per stabili contatti vita natural-durante con il mondo del crimine organizzato. Mhh, crimine organizzato... Mitico.

[Vista di un quartiere, atmosfera stile 'Il padrino'.]
Venditore ambulante: don Homer, una ciambella di chidde speciali per vossia, preparai.
Homer: mhh, grazie.
Venditrice ambulante: don Homer, u povero figghiu miu con chiddu s'inguaiò!
Homer [fermandola con la mano: eh eh! [Assaggia la ciambella] ...Molto bene! [benedice la donna]

[Ritorno alla realtà.]
Homer [con ancora l’accento siciliano]: questa ciambella è deliziosa.
Lisa: riconquisterai la convezione odontoiatrica?
Homer: beh, questo dipende da chi è il miglior negoziatore: il signor Burns, oppure io.
Bart: papà, ti dò questo delizioso fermaporte in cambio del tuo stomachevole danese.
Homer: affare strafatto. Hehehi... [guardando il fermaporte e Bart alternativamente] D'oh!
[Lisa guarda suo padre preoccupata]

[Dal dentista.]
Dr. Wolf: ecco a voi, questo apparecchio è invisibile, indolore, ed emette periodicamente un piacevole spruzzo di 'Obsession' di Calvin Klein.. Per denti.
[ne spuzza un po’ vicino a Lisa]
Marge: mh, dottore... Al momento non abbiamo la convezione odontoiatrica, perciò ci occorre qualcosa di meno caro.
Dr. Wolf: ecco, questo si usava prima dell'acciaio inossidabile, perciò non puoi bagnarlo.
[soffia via la polvere e Lisa tossisce]

[Centrale nucleare. Homer sembra stia fecendo ginnastica]
Mr. Burns [Osservando Homer da un monitor]: mh, è un degno avversario. Guardalo, Smithers, si esercita mentre gli altri stanno al distributore delle caramelle.
Homer: porca putt... Ehi, Lenny, puoi staccarmi questo lecca-lecca dalle spalle per favore?
Lenny: ok, ma questa è l'ultima volta. [glielo stacca]
[Homer si mette in bocca il lecca - lecca]

[Nell'ufficio di Burns. Homer è seduto di fronte a lui]
Mr. Burns [Con voce melliflua]: noi non dobbiamo essere avversari, Homer: vogliamo entrambi un contratto sindacale equo.
Homer [Pensando]: perchè il signor Burns è così carino con me?
Mr. Burns: io do una mano a te... [sorridendo] e tu dai una mano a me!
Homer [Pensando]: aspetta un momento, mi sta facendo delle avances!
Mr. Burns: voglio dire, se infilassi una cosina nella tua tasca, che male ci sarebbe?
Homer [Pensando]: oh mio Dio, mi sta facendo delle avences!
Mr. Burns: dopotutto, i negoziati creano degli strani 'compagni di letto'. [Strizza l'occhio e ride.]
Homer [pensando urla. Poi riprende a parlare normale]: mi dispiace signor Burns, ma io non sono di quella parrocchia. Certo, sono lusingato, forse anche un tantino curioso, ma la risposta è no. [e se ne va]

[Dal dentista]
Dr. Wolf: Lisa, per non farti spaventare ti mostrerò alcuni degli attrezzi che userò. Questo è un raschietto; questa è la punta metallica, e questo bell'amichetto è lo scanalatore! [accendendolo]
[Lisa geme spaventata]
Dr. Wolf: ora, la prima cosa che farò è scalpellare frammenti di denti per estrarli dall'osso mascellare. Sta ferma, mentre ti gaso...

[Sogno di Lisa, simile a 'Yellow Submarine']
Ringo: guardate, è Lisa in the sky...
Paul: ...senza diamond!
George: attenti al disegno kitsch della regina Vittoria..
Beatles: help... qualcun ci aiuti, help!

[Lisa si risveglia, il dentista è sconvolto]
Lisa: lo specchio. Lo specchio! [Lisa ride istericamente e rompe lo specchio, dopo essersi vista]

Marge: tesoro, ti sta benissimo! [Lisa sorride al Piccolo Aiutante di Babbo Natale che scappa. Qualcuno suona alla porta]
Homer: chi è?
Voce: amici.
Homer: chi?
Voce: amici di amici.
Homer: amici di amici? [e apre la porta]
[Due tizi lo prendono a forza e portano Homer a casa di Burns]

[Casa di Burns. La scena si svolge nella voliera personale di Burns dove tra gli strani animali c’è un condor identico a lui]
Mr. Burns: Ah, Homer. Spero che Picchiasodo e Colpobasso non ti abbiano fatto male...
Homer: beh, avrebbe potuto telefonare.
Mr. Burns: oh, si, ma il telefono è troppo distaccato. Preferisco il tocco personale, che si ha solo con gli amici degli amici.
Homer: amici di amici?
Mr. Burns [portando Homer in un’altra stanza]: questo è il più grande televisore del mondo libero. [Lo accende.]
Uomo Ape [alla TV, sollevando la coperta e trovandovi sotto una puzzola]: ahiahiahi, un gato espuzolentissimo! [Burns spegne la TV schifato.]
Mr. Burns [portando Homer in un’altra stanza]: queste sono mille scimmie che lavorano a mille macchine da scrivere, ben presto avranno scritto la più grande opera che l'uomo abbia conosciuto! Vediamo: 'Essere o non essere, questo è il bolema, se sia più giusto...' Bolema? Stupida scimmia! [La scimmia protesta.] Ah, sta zitta.

[Nel buio, una luce viene accesa. Entrano nell’ennesima stanza]
Mr. Burns: e questo è il mio scantinato.
Homer: non assomiglia proprio alle altre stanze...
Mr. Burns: in realtà dovrei smettere di concludere il tour della casa qua giù. ora, parliamo di cose serie.
Homer [Pensando]: oh, cacchio, me la sto facendo addosso. Perchè mi sono riempito di birra, caffè e cocomero!
Mr. Burns: vedi Homer, so cosa stai pensando, e non voglio smuoverti le acque. Non ci vuole certamente un genio per capire che vuoi gettare acqua sul fuoco. Beh, dai retta a me, e ben presto schizzerai alla grande! [mentre parla un tubo perde acqua alle sue spalle e Smithers versa il caffè al sig. Burns]
Homer: uh... da che parte è il bagno?
Mr. Burns: ventitreesima porta a sinistra.
Homer: [Homer cerda disperatamente il bagno, aprendo tutte le porte.] No. No. No!
Mr. Burns: uh, non ha neanche voluto starmi a sentire.
Homer [Soddisfatto]: ahh.
Mr. Burns: trovato il bagno senza problemi?
Homer: mhh... si.

[Homer torna a casa su un elicottero]
[Marge corre incontro a Homer e si taglia una parte dei capelli con le pale dell’elicottero]
Mr. Burns: bene, questo round lo hai vinto tu, Simpson, ma io ti schiaccierò come uno scarafaggio! Hahaha! [Burns cade dall'elicottero in volo]
Mr. Burns: Simpson, sii gentile, massaggiami le gambe finchè mi ritorna la sensibilità!
Mr. Burns: [Burns viene portato via in barella] ...Uno scarafaggio ti dico, uno scarafaggio! Hahaha! [mentre viene portato via con la barella appesa all’elicottero gli fanno sbattere la testa contro il camino di una casa]
Homer[affranto]: darò le dimissioni. Tanto per cominciare, non capisco perchè mi abbiano eletto presidente del sindacato.
Marge: perchè giù alla centrale ti vogliono bene!
Homer: si... Hai ragione. I ragazzi mi stanno sempre a toccare questa testa calva come portafortuna, e a pizzicare il mio pancino per sentire la mia risata fanciullesca.
Marge: mhh... Temo che non ti vogliano poi così bene.
Homer: sai, credo che tu abbia ragione. Come prima cosa domani mattina darò un cazzotto a Lenny sulla nuca!
[Il giorno dopo mentre Lenny sta bevendo un caffè, lo fa]

[Insegna: 'Oggi giornata della foto'; luogo: scuola di Springfield.]
Skinner: srotola quei ciuffi ribelli. Radrizza quella scriminatura. Disincrocia quegli occhi, signorino!
Quigly: ma non posso!
Skinner: scusami, Quigly.
Fotografo: forza, tesoro, sorridi! Scommetto che in quella boccuccia nascondi un sorriso smagliante! Perchè non lo condividi con tutto il mondo? [Lisa sorride, mostrando l'apparecchio]
Fotografo [spaventato]: Dio non esiste!

[Assemblea dei lavoratori della centrale.]
Homer: colleghi lavoratori, mi sono incontrato con il signor Burns giorno e notte e ne ho avuto abbastanza!
Assemblea: Sciopero! Sciopero! Sciopero! Sciopero!
Carl: favorevoli allo sciopero?
[tutti quanti alzano la mano gridando: io!]
Carl: contrari?
Voce: io.
Homer: ma chi cavolo è stato? [In fondo alla stanza ci sono due uomini: uno piccolo e gracile, uno grande e robusto.]
Uomo gracile: è stato lui! Avanti, prendiamolo ragazzi! [ Indica quello robusto. Intanto che tutti picchiano quello che ha indicato, sogghigna soddisfatto.]

[Davanti alla centrale.]
Lisa [Cantando e suonando la chitarra]: venite, fanciulli, a sentir la storia, di un eroe chiamato Homer, e di un Burns tutta boria. Marciamo fino allo stremo, uniti tutti quanti, lottiamo fino alla morte, o vivremo di rimpianti.'

[Alcuni scioperanti cercano di ribaltare la macchina di Winchester.]
Winchester [sdraiato con le mani dietro la nuca, soddisfatto]: ah, mi ci manca solo o'cafè!

Mr. Burns: Smithers, trovami degli stronca-scioperi, come quelli degli anni trenta!

[Nonno Simpson e altri anziani si trovano nell'ufficio di Burns.]
Nonno Simpson: non possiamo spaccare le teste come un tempo, ma abbiamo i nostri metodi. [i vecchi mormorano] Un trucco è quello di raccontar loro delle storie inconcludenti. Per esempio: una volta presi il traghetto per Shelbyville, mi occorreva un nuovo tacco per la scarpa; così decisi di andare a Morganville, che era il nome con cui veniva chiamata Shelbyville a quel tempo. Perciò mi legai una cipolla alla cintura come era di moda in quegli anni. Ora, prendere il traghetto costava un nichelino, e a quei tempi su tutti i nichelini erano incise delle api: si diceva 'dammi cinque api per un quarto di dollaro'. Allora, dove eravamo... Ah, si. La cosa importante era che avevo una cipolla alla cintura come andava di moda quel tempo. Le cipolle bianche non c'erano, a causa della guerra, le uniche in circolazione erano quelle grosse e gialle... [Burns e Smithers sospirano.]

Mr. Burns [Impugnando una canna dell'acqua]: a tutta forza, Smithers! [Burns vola attaccato alla canna.]

[Davanti alla centrale.]
Lisa [Cantando e suonando la chitarra]: marciamo giorno e notte, rischiamo le botte, la centrale a voi, ma l'energia siamo noi'.
Lenny: ora strimpella un pezzo classico.
[Lisa suona e Lenny apprezza movendo la testa a tempo]

Mr. Burns [Guardando Homer da un binocolo]: guarda, si pavoneggia come se fosse il gallo della checca. Beh, sai che ti dico? Homer Simpson è il gallo un un bel niente! Tu ed io possiamo mandare avanti questa centrale da soli!

[Burns e Smither si prodigano a mandare avanti la centrale prima da soli, ballando e divertendosi con un cane a due teste, poi con l'aiuto di lavoratori-robot, che subito si ribellano.]
Robot [inseguendo Smithers con in braccio il sig. Burns]: annienta! Uccidi! Distruggi!

[Studio televisivo.]
Kent Brockman: stasera, su 'Linea Sagace' lo sciopero della centrale nucleare. Panzanate o furfantate? Qui con noi stasera il titolare della centrale signor Burns, l'uomo chiave del sindacato Homer Simpson e la dottoressa Joyce Brothers.
Joyce Brothers: ho il mio di microfono!
Kent Brockman: già. Allora, Homer, il lavoro protetto da un sindacato è stato definito un 'goffo dinosauro'.
[Homer urla]
Kent Brockman: ehm. Dalla regia mi fanno dei cenni di non rivolgerle più la parola.
Homer: woo-hoo!
Kent Brockman: signor Burns, non mi aveva detto di avere un annuncio da fare?
Mr. Burns: si, grazie Brockman. Fra quindici minuti esatti compirò una terribile vendetta su questa città! Non sarà risparmiato nessuno, nessuno!
Kent Brockman [con una finta risata]: una raccapricciante anticipazione!

[Burns e Smithers attraversano diverse porte blindate, fino ad arrivare in una stanza privata, avente una porta marcia e aperta verso l’esterno]
Mr. Burns: ah, per mille carrozzelle! [Mandando via un cane.] Addio per sempre, Springfield. Dal cuore dell'inferno io ti pugnalo!
[Appena l'energia elettrica cade, i passanti rompono vetrine e saccheggiano negozi.]
[Scritta luminosa: blackout totale a Springfield]

Manifestanti [Cantando]: marciamo giorno e notte, rischiamo le botte, la centrale a voi, ma l'energia siamo noi; marciamo giorno e notte, rischiamo le botte, la centrale a voi, ma l'energia siamo noi'.

Mr. Burns [Tendendo l'orecchio]: guarda quelli la, attraverso le tenebre che ho creato, non sono affatto tristi, stanno addirittura cantando. Cantano senza spremiagrumi! Cantano senza frullatori! Cantano senza frigorapidi, lavatripidi e microondopidi! Oh, dì a Simpson che sono pronto a trattare.

[Burns e Homer sono seduti ad un tavolo.]
Mr. Burns: e va bene, potete avere al convezione odontoiatrica, ma ad una condizione: devi dimetterti da capo del sindacato.
Homer: woo-hoo! [Homer si getta a terra e comincia a ruotare su se stesso, urlando di gioia.]
Mr. Burns: Smithers, sto cominciando a pensare che Homer Simpson non sia quel tattico brillante che io credevo.

Homer [Rivolto ai manifestanti]: torniamo tutti al lavoro!

[L'energia elettrica ritorna. Si riaccendono le insegne: 'Il rospo in calore', 'Nudi alle ventitrè'; la 'Società vomito finto' riprende l'attività, tra l’esultanza degli operai]

[Dal dentista. Tutta la famiglia e il dentista sono intorno a Lisa.]
Marge: oh, tesoro, il tuo nuovo apparecchio quasi non si vede!
Lisa: e lo difenderò coi denti! [Ridono tutti.]
Dr. Wolf: ho lasciato aperto il gas esilarante! [Ridono tutti di nuovo.]


[un caloroso ringraziamento a Buzzbomber]