Ricerca:
                                                                                                                                                                                                  In questo periodo I Simpson non sono trasmessi su nessun canale televisivo Italiano, visita sempre l'Hoemrata e iscriviti alla NewsLetter per restare sempre aggiornato.                                                                                                                                                                                                   
il cartone il film il cartoneil cartoneextras

HOMEPAGE > IL CARTONE > EPISODI CAPSULA

Capsula

La paura fa novanta II [8F02]

Capsula dell'episodio

fiogf49gjkf0d
Marge [schiarendosi la voce]: buonasera a tutti! Prima dello show di Halloween dell’anno scorso, vi raccomandai di non farlo vedere ai vostri bambini… ma voi mi avete disobbedito! Mh, beh l’episodio di quest’anno è ancora peggio. è più impressionante, più violento, e temo che abbiano infilato dentro anche qualche parolina sconcia… perciò, rimboccate le coperte ai vostri bambini e…. e…. mh… bhe, se non mi avete dato retta l’ultima volta, non lo farete nemmeno ora! [arrabbiata] Godetevi lo show!! [a voce alta]

[Cimitero di Springfield. Lapidi inquietanti… La mamma di Bambi, Jim Morrison, Walt Disney, “Perdi peso ora, chiedimi come”.]

[Casa Simpson]
[In tv. KentBrockman: concludiamo questo notiziario di Halloween con una nota di terrore. Ricordate: manca solo qualche mese per le primarie presidenziali… ahahah!]

Homer [sgranocchiando dolciumi]: ehi, se questo non ti va giù vattene in Russia!
[suonano alla porta]
[Homer apre la porta e si trova davanti Secco e Patata]
Secco e Patata [in coro]: (?)
Homer: ehi, non siete un po’ troppo grandi ? non indossate neanche una maschera…
Patata: consegna le caramelle, vecchio babuino! Oppure uoviamo la tua casa per sempre!
Homer [arrendevole]: ecco qui, ragazzi… eheheh [svuotando il piatto dei dolci nel loro sacchetto e chiudendo la porta]. [arrabbiato] Brutti teppistelli!!

[Rumore di uova spiaccicate]
Homer [arrabbiato]: ohhhhh!!
[risate di Patata e Secco. Homer apre la porta insudiciata di uova]

[Marge accende la luce]
Marge: siamo tornati!
[entra Bart travestito da boia, Maggie travestita da streghetta e Lisa travestita da totem, che sbatte addosso alla mostra della porta, lamentandosi]
Homer [rivolgendosi a Bart]: avete rimediato un bel bottino!
Bart [svuotando il sacchetto coi dolciumi]: sbancato!!
Homer [asciugandosi la lacrimuccia]: sono molto, molto infiero di voi, ragazzi!
Bart [togliendosi la maschera, con tono arrabbiato]: avremo incassato ancora di più se Lisa poteva correre…
Lisa [interrompendo Bart]: non ho scelto questa maschera per muovermi agevolmente, ma per rendere omaggio ai nobili indigeni americani del nord-ovest del Pacifico…
[Bart le dà una spinta e Lisa cade, perdendo l’equilibrio e urlando. Bart ride di gusto]
Marge: sentite ragazzi, potete mangiare una caramella stasera e poi conservare le altre per… [guardando il resto della famiglia che ingurgita dolci] [arrabbiata] se ne mangiate così tante vi verranno gli incubi!!!
Bart [a bocca piena]: e già, stanotte tutti quelli del quartiere avranno degli incubi… [ridendo]
Lisa: io di incubi ne ho avuti solo tre.
Homer: questo lo vorrei proprio vedere… dehehiho!
[Un forte tuono fa azzittire tutti]

[Camera di Lisa. Lisa è nel letto, che continua a mangiare dolci. Si mette a dormire. Sogna di essere a Marrakech, in Marocco con la famiglia, nel mercato…]
Homer [guardandosi intorno]: che mondezzaio! Che gusto ci prova la principessa Carolina a vivere qui?
Lisa: papi, quella è Monaco!
Homer: d’oh!
[La famiglia si ferma a guardare un contorsionista]
Bart: lo saprei fare anche io, ma non mi va

[Homer si è fermato a vedere una bancarella]
Homer [sorpreso]: uh, cos’è questa cosa? [sollevando la zampa di una scimmia]
Mercante: è la zampa di una scimmia che risale a molti anni fa. Ha il potere di far avverare i desideri di chi la possiede.
Homer [sorpreso]: ah, si? Quanto costare?
Mercante: signore, le sconsiglio calorosamente di acquistarla. Ogni grande desiderio essere una grande sfortuna. Io stesso una volta, fui presidente di (?)
Homer[scocciato]: ah, dai amico, non mi va di sentire la storia della tua vita! [alzando la zampa della scimmia] Qua la zampa!!
[La famiglia è davanti a un beduino su un cammello, Marge scatta foto]
Marge: ehi, Homer, dove hai preso quell’orribile manina?
Homer: oh, a quella piccola bancarella che stava pro… [si gira per indicare, ma al posto della bancarella c’è solo un vortice]… là… uh! [stupito]. Ah, no aspetta! [indica più in là] Stava là.
[Nel frattempo il mercante lo saluta]
Mercante[canticchiando]: te ne pentirai…

[Aeroporto di Marrakesh]
[Altoparlante:volo Marrakesh-Springfield tutti a bordo]
[La famiglia sta per salire sull’aereo, quando Homer viene preso dalla collottola da un addetto alla sicurezza]
Sicurezza: un momento! [perquisendo Homer, gli alza la maglietta e gli trova appiccicati addosso dei souvenirs]. [urlando] Mani in alto!!
[Tutta la vigilanza gli punta addosso le pistole]
Vigilanza: fermo lì! Non ti muovere!! Non andare! Non partire! Non scappare!!
Homer: [con le mani in alto] non sparate, non sparate, sono solo!
Sicurezza: deve pagare una multa di un soldino bucato [puntandogli la pistola addosso]
Homer [sollevato]: ok…

[Casa Simpson]
[In salotto, la mano della scimmia è sul tavolinetto, tutti la osservano, pensando a cosa chiedere come desideri]
Bart: chiediamo degli occhiali a raggi x che funzionino!
Lisa: no! La pace nel mondo!
Bart: occhiali a raggi x!
Lisa [arrabbiandosi]: la pace nel mondo!
Bart [alzando la voce]: occhiali a raggi x!
[Cominciano a battibbeccare, Homer gli blocca le teste, arrabbiato]
Homer: lavatevi la faccia voi due! Come indossatore di pantaloni in questa casa, il primo desiderio tocca a me!
Marge: homer, c’è qualcosa che non mi convince in quella mano monca… [guardando la mano della scimmia]
Homer: ah, Marge, ti prego, non mi smontare! Quella zampa di scimmia farà avverare i nostri desideri!
[Maggie nel frattempo prende la zampa in mano, chiude gli occhi e desidera intensamente qualcosa… un dito della mano della scimmia si chiude]
Lisa[sorpresa: oh, no! Maggie ha espresso un desiderio!]
[Tutti la guardano e nel frattempo suona un clacson. Vanno alla finestra e c’è una macchina di lusso fuori il giardino]
Homer: oh, una macchina di lusso! [prendendo in braccio Maggie] Brava, piccolina! Brava, bravina!
[Bussano alla porta, Homer apre e c’è uno chauffeur che porge un ciuccio d’oro su un cuscinetto…]
[Marge: oh, un ciuccio nuovo!]
[Maggie prende il nuovo ciuccio e se lo mette in bocca]
[Tutti rimangono basiti, mentre la macchina di lusso sfreccia via]
Homer: d’oh!
Bart: [prendendo la zampa in mano] ok, diamo un taglio alle cretinate! Zampa, questo è Bart! Fa che i Simpson diventino ricchi e famosi!
Homer: adesso, sì che parli! [un dito della zampa si chiude]
[Bart e Lisa sono sommersi di dollari… esultano in un grido di allegrezza. Homer apre il portafoglio ed è imballato di soldi, Marge ha un sacco di banconote fra le braccia e tra i capelli]
Marge: guardate tutti! La mia borsetta sta scoppiando!
[Tutti hanno un mucchio di dollari in mano]
Homer: [lanciando le banconote in aria]: forza gente, andiamo al ristorante più sciccoso della città! Via!!!

[Al ristorante]
Maitre: spiacente, non ho un posto fino a campa cavallo… [girandosi, vede la famiglia Simpson e si stupisce] Uh, les Simpson! Da questa parte, prego… [il maitre gli fa attraversare il salone del ristorante, le persone a cena li guardano]
Signora: se sento ancora una cosa sui Simpson, giuro che mi metterò a urlare!
Signora2: all’inizio erano carini e divertenti, ma ora sono proprio stucchevoli!

[Negozio di souvenirs]
Cliente: [con in mano una maglietta di Bart] 18 dollari per questa schifezza? Regalatela a vostra sorella!

[Negozio di dischi]
[Di sottofondo una canzone dei Simpson: l’uomo è scaltro!! La donna è più scaltra!! L’uomo è scaltro!! La donna è…]
Otto: questa cosa comincia a sfuggire di mano!

[Cartello pubblicitario: Bart che dice “Fatti una mammografia, cacchio!”]
Helen Lovejoy: [guardando il cartello] ohh, non si fermano davanti a niente!

[Casa Simpson]
Marge : [guardando fuori la finestra] oh, papi… tutto questo è terribile.
Homer [pensieroso]: ora che ci penso, quello che mi ha venduto questo coso, ha detto che i desideri avrebbero portato una grande sfiga… [alzando la voce] credevo fosse… un modo di dire pittoresco!!
Lisa: [con la zampa della scimmia in mano, chiudendo gli occhi] chiedo la pace nel mondo! [un dito della zampa si chiude ]
Homer [arrabbiato]: lisa! Questo è stato molto egoistico da parte tua!

[Titoli dei giornali: Dichiarata la pace nel mondo.]
[Sede dell’ ONU]
Esponente Inghilterra: oh, scusa per le Falklands… your friends [tendendo la mano all’esponente dell’Argentina]
Esponente dell’Argentina: eh, no es nada… [dandogli la mano e abbracciandolo] lo sapevam che eran vostre…
[applausi generali dell’ONU]
[Fonderie : tutte le armi vengono fuse. Sfilano davanti l’altoforno generali, militari, Boe, Krusty. Il Pentagono viene trasformato in un hotel “Cinque Angoli”. Al posto del campo minato sorge un giardino, in cui una bimba anagramma “Danger” (pericolo) con “Garden” (giardino). Tutte le nazioni fanno un coro e si tengono per mano e il simbolo della pace si vede dallo spazio sull’America Settentrionale.]
[Ufo. Gli alieni osservano il simbolo della pace]
Alieno: umani sciocchi, sciocchi!!
Alieno2: oh, si, Lord, ora la terra è matura per essere accattata! [si strofinano i tentacoli e ridono di gusto]
[L’ufo si posa sulla statua di Jebedian Springfield, distruggendola. Scendono gli alieni a Springfield…]
Alieno: gente da bustarella, veniamo [ostentando una mazzafionda] da voi con spirito di ostilità e di minaccia, accia!
Quimby: [alzando il palmo della mano] andiamoci piano, possiamo risolvere le nostre divergenze pacificamente.
Alieno: [dandogli una mazzata sulla testa] tiè!! Il vostro intelletto superiore non può carezzare con le nostre rozze armi!
Apu: governatore, lei da fare deve dare! [prendendolo per il golf]
Governatore: cosa volete che faccia? Sono un pasticcere ormai!
Lenny: ci stanno conquistando con una clava… se avessimo avuto due bombe atomiche… [malinconico]
[Gli alieni cominciano a inseguire gli umani, minacciandoli con la clava e la mazzafionda… ]
Alieno: in marcia, bestie!
Donna: questa è tutta colpa dei Simpson!
Uomo: prima ero scocciato per le loro buffonate e i loro gadgets. Ora vorrei che fossero morti!

[Casa Simpson]
Bart: [leggendo un giornale che dice: “ I mostri danno l’ok al piano schiavitù”] cacchio, ora siamo schiavi! Questa zampa è una schiappa!!
Homer: va bene, va bene… [prendendo la zampa della scimmia] esprimerò un desiderio senza contraccolpo… desidero un panino di segala, al tacchino, con lattuga e mostarda e… [indicando la zampa, alzando la voce] e non voglio alcun tacchino zombie, e non voglio diventare lo stesso io un tacchino e non voglio nessun altra sorpresa stramba! Sono stato chiaro? [l’ultimo dito della zampa si chiude… appare un bel panino, Homer lo prende e lo addenta, gustandolo]
Homer: mmmh, niente male… deliziosa mostarda piccante e… ottimo pane… il tacchino è un po’ asciutto… [sorprendendosi] il tacchino è un po’ asciutto??? Oh noooo!!! La maledizione porta jella!! Quale demone degli abissi dell’inferno vi ha creato? [piangendo e accasciandosi a terra]

[Homer sta per gettare la mano di scimmia nel secchione. Arriva Flanders]
Ned: ehi, amico schiavo! Quello è uno di quegli affari zampa-di-scimmia che permettono di esprimere desideri?
Homer: già, ma devo avvertirti che questo coso è jellat… già, è proprio uno di quelli! Vuoi provarlo, mio caro? [porgendogli la zampa di scimmia, ammiccando]
Ned: oh, certo certosino! [prende la zampa e le 4 dita tornano aperte] ohhh! Ma guarda un po’!
[Boe corre via urlando, rincorso da un alieno con la fionda]
Alieno: inginocchiati davanti alla mia fionda, misero terrestre!!
Ned: beh, immagino che il mio primo desiderio sia di liberarci da tutti quegli orribili alieni… [un dito della zampa si chiude]
Alieno: [scappando] ha una tavola con un chiodo conficcato dentro!!
Boe: [rincorrendo l’alieno] schiavizzare l’umanità , eh???
Alieno2: [vestito da Re della Terra] scappa Alcordas!!!! [entrambi gli alieni fuggono nella navicella e scappano a gran velocità]

[Nella navicella]
Alieno: c’avem da fa, i terrestri hanno vinto..
Alieno2 [con accento veneziano]: s’è vero. Può darsi che quella tavola col ciodo ficcato dentro ci abbia sconfitti, però gli umani non si fermeranno lì! Costruiranno delle tavole più grandi, con ciodi più grandi; presto, costruiranno una tavola con un ciodo così grande che li (?) tutti!!!
Alieno: [ridendo di gusto] quanto mi diverto con te, io!!!

[Ned viene portato in trionfo dai cittadini. Homer è imbronciato]
Ned: ehi Homer! Questa piccola carabattola funziona che è una meraviglia! Bene, ora che ho salvato il mondo, posso buttare la mia vecchia baracca! [Entra in casa, ed esprime un desiderio. La casa si trasforma in un castello]
Homer [imbronciato]: magari avessi io una zampa di scimmia.

[Casa Simpson. è notte, Lisa entra in camera di Bart]

Lisa : babi… babi! [scuotendo Bart, per svegliarlo]
Bart [assonnato]: che palle… che c’è?
Lisa: ho fatto un brutto sogno… posso dormire nel tuo letto?
Bart: no!
Lisa : e se ti do una collana di caramelle?
[Bart le toglie la collana di mano, la mastica, le restituisce il filo]
Bart: sali a bordo.
[Lisa entra nel letto]
Lisa: grazie, babi.
Bart: meno chiacchiere, più nanna. [chiude gli occhi, mentre vede il pupazzo di Krusty che si muove al vento]

[“Sottoponiamo alla vostra considerazione Springfield, una cittadina nella media, con un mostro non altrettanto nella media…” ]
[Si vedono i cittadini di Springfield con un sorriso stampato in faccia, molto impauriti. ]
[“ La gente di Springfield deve assicurarsi di avere pensieri felici… e dire cose felici, perché questo particolare mostro può leggere nelle loro menti , e se contrariato, può trasformare le persone in grotteschi terrori ambulanti… ]

Anziano: pensieri felici, cose felici, uffa… adesso mi sto proprio scocciando! [e viene trasformato in un cane, cominciando ad abbaiare]

[Casa Simpson. Sono tutti in cucina a fare colazione, tranne Bart.]
[“Vi ho fatto presente che il mostro è un bambino di 10 anni?” e viene inquadrato Bart. “Niente male come svolta, eh? Scommetto che questo non ve lo aspettavate..”]

Bart [sorridente]: buongioooorno!
[Tutta la famiglia sobbalza, sputando la colazione]
Lisa [fingendo un sorriso]: ‘giorno!
Marge [fingendo un sorriso]: ‘giorno, caro!
[Maggie ammicca a un sorriso]
Homer[tutto entusiasta]: ciao, Bartolino! Come va il mio ragazzino? Dehehiho…
Bart [guardando il gatto che si struscia ai suoi piedi]: ogni giorno è sempre lo stesso stupido gatto. Ora gli do un tocco più interessante! [Fissa il gatto, che si trasforma in un modo bizzarro, tipo pagliaccio e sputa fuoco sulla tavola, facendo gridare tutti]. Così va meglio.
Marge: molto meglio. Oh, bene, le tendine hanno preso fuoco!
Homer: hai fatto bene a trasformarlo in quella cosa orribile, Bart, molto bene.
Marge : [smettendo di passare l’estintore sulle tendine] devi andare a scuola, perché non ti prepari?
Bart: ok. [ed esce dalla cucina]
Homer: ha proprio ripreso dalla tua famiglia. Sai, non ci sono mostri nella mia.

[Pullman scolastico. Bart sale, sorridente]
Bart: ciao, ragazzi! [una delle gemelline scappa]. Ciao, Otto. Spostati, guido io.
Otto: ah, niente da fare, funghetto. Vedi, c’è una regola che…. Oh, ma tu sei quello con tutti quei poteri strafichissimi!
[Il pullman si lancia in una folle corsa…]
Bart: [guidando sfrenatamente] ehi, dai un taglio al freno, Otto e gasa a tutta birra!!!
Otto: ehehe, che figata megagalattica! Adesso moriremo tutti!!! [ride di gusto]
[Il pullman passa davanti alla polizia. Lou ed Eddie salutano animatamente Bart.]
[Scuola elementare di Springfield]
Capraball: la storia del nostro paese, per adeguarsi alle risposte di Bart sul compito in classe di ieri, è stata cambiata di nuovo. [disappunto di tutta la classe] ora l’America è stata scoperta nel 1942, da un certo Tizio e il nostro paese non si chiama più America, ma Pisellonelandia. [risata fragorosa di Bart, mentre gli porgono una bibita]
[Interfono, parla Skinner: “Attenzione, per favore. è il direttore Skinner che vi parla. Bart: questa è per te. Ciao bella pupa, ciao mio tesoro, piccolo grande amor… mandami un bacio ancor…baby, dammi il tuo amor… “]
Bart [schioccando le dita]: telefono.
[Squilla il telefono alla taverna di Boe]
Barney: mai una volta che volessero uscire con me, eh, io gliel’ho detto.
Boe [rispondendo al telefono]: bar Boe! Un attimo, ora guardo. Ehi, gente, ascoltate: sono uno stupido idiota con una faccia da schifo e le mega chiappe e le mie chiappone puzzano, e a me piace tanto baciarle. [risata generale]
Barney: questa è bella! [ridendo di gusto]
Boe [accigliato]: aspetta un momento…

[Nella classe: Bart riaggancia il telefono e ride di gusto, insieme alla maestra Capraball.]
[Interfono: “Ancora una volta: ciao bella pupa, ciao mio tesoro, piccolo grande amor… esibition!!]
Bart: amo la scuola…

[Casa Simpson. Il cane e il “gatto pagliaccio” dormono sul tappeto, Homer è sul divano con Lisa, che guardano la tv]
Homer: forza, forza, segna, segna… [si copre gli occhi] tipregotipregotipregotiprego… [si toglie le mani dagli occhi]
Bart: io voglio guardare Krusty!
Homer: sta buono, figlio. Se fanno questa metà vinco ottanta bigliettoni.
[Bart fissa Homer… che scompare. E Bart si va a sedere sul tappeto. Dalla tv si sente lo speaker: “il calcio è partito, e fanno un gran bel tiro… la palla si sta trasformando in un grosso ciccione!”. Si vede Homer che viene lanciato e cade a terra. “e non ce la fa… sapete cosa diciamo ogni volta che succede qualcosa di strano? Bart ha fatto bene a fare così, ha fatto proprio bene.” Bart cambia canale, soddisfatto. ]
[In tv]
Krusty: [ridendo, con le occhiaie e la barba] beh, ci siamo. 346 ore consecutive spalmate sul video e tutto per colpa di un ragazzino che…. [comincia ad urlare] che non mi fa fermare!!!!! Comunque, ora andiamo a vedere se Telespalla Mel ha ancora delle sue droghe eccitanti (?)

[Casa Simpson, mentre Bart guarda la tv, si ferma un’auto fuori casa sua… Homer, con la testa fasciata, entra furtivamente in casa… ]
Homer [tra se e se]: piano, piano, senza fare rumore, non pensare nemmeno perché Lui può leggere i tuoi pensieri, e quando meno se lo aspetta, gli spiaccico la testa con una sedia… dehihihoooo mitico…. [mentre Homer sta per spaccare la sedia sulla testa di Bart, Bart, senza nemmeno voltarsi, gli punta il dito contro e lo trasforma in un giocattolo a molla! Mentre Homer urla, entra Marge che urla insieme a lui]
Marge: bart!!
Bart: è stata Lisa.
Marge: ora basta, giovanotto, adesso vieni con me. Ti prego… [sorridendo]

[Bart viene portato dal Dottor Marvin Monroe. Bart è seduto su una poltroncina]
Dott Marvin: ti piace ricevere attenzioni, vero Bart?
Bart: puoi dirlo forte! [ridendo]
Dottor Marvin: beh piace a tutti. Il problema è che a te non importa se l’attenzione che ricevi è positiva, ad esempio per aver preso un buon voto a scuola oppure se negativa. Ad esempio, per aver trasformato tuo padre in un pupazzo a molla. Oh, beh, vedo che lei condivide la mia teoria [rivolgendosi ad Homer]
Homer: non sto annuendo, è l’aria condizionata.
Dottor Marvin: beh, è un vero peccato perché l’attenzione che il ragazzo desidera ardentemente, dovrebbe provenire da lei. Voglio che lei trascorra molte più ore di svago con lui, impari a conoscerlo e persino ad amarlo.

[Stadio di Springfield. Bart e Homer guardano la partita, una palla becca la testa di Homer, che comincia a dondolare. A pesca insieme. Tiro al bersaglio. In chiesa. Sulle montagne russe. Alla fine in cameretta di Bart, Homer gli rimbocca le coperte. ]
Homer: buona notte, figlio.
Bart: buona notte, pà. Questi ultimi giorni sono stati davvero uno sballo. Magari potessi fare qualcosa per ripagarti.
Homer: ehm, beh se tu volessi, potresti restituirmi il mio corpo.
Bart [alzandosi dal letto]: detto fatto! [lo fissa e Homer torna normale]
Homer [sorpreso]: ehi, oh grazie, grazie ragazzo [abbracciando Bart]
Bart: ti voglio bene, pà.
Homer: ti voglio bene, figliolo.

[Bart si alza di scatto e urla a squarciagola]

[Bart e Lisa si precipitano in camera da letto in piena notte]
Bart e Lisa: mamma, papà!!!!!! [si lanciano sotto le coperte]
Margee: oh, caspiterina cosa c’è?
Bart: abbiamo avuto un incubo.
Lisa: possiamo dormire con voi?
Homer: vi fate ancora la pipì addosso?
Lisa e Bart: no!
Homer: e allora va bene. Oh, le quattro! [sbadigliando] tra un paio di ore dovrò alzarmi per andare a lavoro, devo andare a lavoro, andare a lavoro…
[Homer è appisolato sulla sedia alla centrale. ]
Burns: guardali, Smithers! [guarda nelle telecamere, vede Homer che dorme, Karl e Lenny che mangiano, altri che fanno centro nel cestino, altri che giocano sotto la doccia] tartarughe! Lumaconi! Perditempo!! Ma ignorano che i giorni da passare a poppare al mio capezzolo stanno per finire [esplode in una risata]
Smithers [ridendo]: posso suggerire un licenziamento a caso, tanto per incutere loro la paura di Dio?
Burns: molto bene! [si alza e va a vedere negli schermi. Comincia a fare la conta “Ambarabà ciccì coccò…” e si ferma su Homer] Lui!!!!!!!!
Smithers [parlando all’intefon]: attenzione, Homer Simpson! attenzione, Homer Simpson! Svegliati, Homer!
[Homer sobbalza dalla sedia e comincia a spingere tasti a caso]
Homer: eh, che c’è, eh, dov’è?
Smithers: sei licenziato.
Homer: per cosa?
Smithers: per aver dormito sul posto di lavoro.
Homer: come fa a sapere che stavo dormendo?
Smithers: ti abbiamo tanato sui monitor di sorveglianza!
Homer: monitor? [si guarda intorno e trova il monitor] D’oh!!
Burns: smithers? Al laboratorio [fragoroso tuono]
[Burns tira una lampada del camino ed entra nel passaggio segreto con Smithers]
Burns: sai, Smithers, ho sempre disprezzato la pigrizia del comune operaio. Poi, mi sono reso conto che il suo spirito vorrebbe, ma che la carne è debole. Così ho rimpiazzato la carne, che è debole, con l’acciaio, che è forte! [toglie il lenzuolo da una brandina] et voilà! La più grande conquista nel campo dei rapporti di lavoro, dopo il gatto a nove code…
[Smithers si sorprende vedendo un robot]
Smithers: quanto tempo ci vorrà prima che sia pronto all’uso?
Burns: frena i tuoi istinti, Smithers. Prima ci occorre un cervello umano…

[Casa Simpson tutti intorno alla tavola]
Lisa [leggendo dal giornale]: ehi, ecco un buon lavoro, papi! Oh, aspetta, devi sapere come usare un litotritore a ultrasuoni…
Homer: e che ci vuole?
Bart: ehi, pà! Eccone un altro: 28 dollari l’ora, è all’aria aperta e incontri un sacco di gente interessante.
Homer [sorpreso]: oh, che lavoro è?
Bart: becchino.. [ridendo malvagiamente]
[Homer sta scavando una fossa, con Willie che lo controlla]
Willie: più con forza, più larga, più veloce! Seppellisco nemmeno la mia tartaruga in quella pozzanghera di fango!
[Homer, stanco, si appisola nella fossa… cala la notte. Burns e Smithers sono nel cimitero]
Smithers: quale cadavere dissotterriamo, signore?
Burns: non lo so, mi sento come un bimbo nel paese dei balocchi… guarda!! Una tomba scoperta! Smithers, tiralo fuori, presto! L’odore è insopportabile [portandosi un fazzoletto al naso]
Smithers: un momento signore. Quello lì è Homer Simpson. Non era certo un impiegato modello.
Burns: e chi è un impiegato modello? [guardando Smithers con un ghigno ed immaginando il suo cervello… ]
Smithers [tremando]: simpson andrà benissimo, signore.

[Trasportano via Homer in un sacco, facendolo sbattere a tutte le asperità del terreno. Homer si lamenta]
Smithers: ha sentito, signore?
Burns: no, non ho sentito. Chi è stato, Frankeinstein? Il morto che cammina?
Smithers: è il morto nel sacco, signore. Penso sia vivo.
Burns: ah, cadavere cattivo! Cadavere cattivo! [e gli dà delle badilate] smettila di spaventare Smithers!! Soddisfatto?

[Laboratorio di Burns. Smithers sta trapanando la testa di Homer. ]
Burns: eccellente! [infilandosi i guanti] Smithers, passami quel cucchiaione da gelato.
Smithers: cucchiaione da gelato??
Burns: dannazione, Smithers! Questa non è scienza missilistica, è solo chirurgia del cervello… [canticchiando, estrae il cervello di Homer ] carino! [mettendosi il cervello in testa] guardami, sono David Cricket!! [ridendo]
[Burns infila il cervello nel mostro di latta e attacca la corrente. Cenano con pizza. Poi, Smithers abbassa una leva e dà corrente al mostro… che si anima]
Burns: guarda, Smithers: una contrazione! Si sta muovendo, è vivo!!!! Ahhh, quello dell’elettro-market ha detto che ero matto. Ma adesso, chi è il matto?? [ride diabolicamente] [si rivolge al mostro] Ciao, sono il tuo papino.
[Il mostro si alza, perlustra con lo sguardo la zona, e adocchia una scatola di ciambelle. Si alza, trapassa i muri, mugolando cose incomprensibili, prende le ciambelle e le mangia.]
Mostro: al-la cre-ma.

[Bart e Lisa sono sul divano, guardano la tv]

[Tv: Eddie Murphie , Madonna e un bue tibetano asmatico!]
Lisa: mamma, cos’è che non va?
Marge: vostro padre è scomparso [preoccupata]
Bart: è scomparso? Che cacchio dici?
Marge: manca da due giorni…
Lisa: è vero, non c’è nemmeno più l’odore!


Burns [inginocchiato, disperandosi]: non doveva andare così, non doveva! Doveva essere una cosa bella, non questo assurdo essere abominevole!! [il mostro dorme sulla sedia] oh, Smithers, ho sbagliato a competere con Dio, la vita è preziosa, non è una cosa con la quale giocare. Prendi quel cervello, gettalo nel cesso e tira lo sciacquone!!!!!
Smithers: signore, forse la sua famiglia apprezzerebbe che lei restituisca il cervello al suo corpo.
Burns: suvvia, sono le 23:45. oh, Smithers, quando mi guardi con quegli occhioni da cagnolino… [stringendo i pugni] mmmmm!!!! D’accordo!!
[Burns ricuce la testa di Homer, che si lamenta]
Burns: oh, vuoi smetterla di lamentarti?
Smithers: signore, significa questo che è ancora vivo.
Burns: hai ragione, Smithers. Vuol dire che ti devo una coca. Quanto a te [rivolgendosi al mostro di latta], brutto campanellaccio, caciarone cacofonico di congegnacci celebrocalizzatori, beccati questo!!! [ e gli dà un calcio]
[il mostro cade addosso a Burns]
Smithers [urlando]: occhio signore, occhio!!!
Burns [schiacciato dal mostro]: ho tutte le ossa frantumate… organi che perdono fluidi vitali, leggero mal di testa, perdita di appetito, Smithers… io sto morendo..
Smithers: c’è qualcosa che posso fare, signore?
Burns: si, forse. Smithers, vai nel mio ufficio, nel terzo cassetto della scrivania ci sono degli strumenti chirurgici e dell’etere…

[Homer si sveglia urlando]
Marge: hai avuto un incubo, papi?
Homer: no, Bart mi ha morso!
Bart: ehi, mi stavi stritolando! Ho tentato di urlare, ma avevo la bocca piena di ciccia mollaccia.
Homer: si, vado a dare una scrollatina al mio ciondolone… [Homer si guarda allo specchio, e vede la testa di Burns attaccata sulla sua spalla. Urla]
Burns: forse ti stai domandando perché hai due teste. Vedi, il mio corpo è stato schiacciato, così ho fatto trapiantare la mia testa sulla tua abbondante corporatura…
Homer: oh, non mi sono svegliato, è tutto un sogno! è solo un sogno!!!
Burns: oh, ma certo. è tutto un sogno!! Oppure no… [risata malefica]

[Prossima settimana, sui Simpson.]
Lisa: non ti dimenticare, papi. Stasera la mia classe organizza una spaghettata da abbuffarsi a crepapelle.
Homer: mmmm spaghetti.
Burns: ah, Homer stasera abbiamo il ricevimento per la regina Beatrice d’Olanda .
Homer: che palle avere due teste!





[un caloroso ringraziamento a Sab85]