Ricerca:
                                                                                                                                                                                                  In questo periodo I Simpson non sono trasmessi su nessun canale televisivo Italiano, visita sempre l'Hoemrata e iscriviti alla NewsLetter per restare sempre aggiornato.                                                                                                                                                                                                   
il cartone il film il cartoneil cartoneextras

HOMEPAGE > IL CARTONE > EPISODI CAPSULA

Capsula

Un Natale da cani [7G08]

Capsula dell'episodio

fiogf49gjkf0d
[Sfondo con strada innevata.]

Marge: fai attenzione Homer!
Homer: Non c'è tempo per fare attenzione.

[Homer e Marge arrivano in ritardo alla scuola elementare dove è in corso l'annuale spettacolo natalizio delle varie classi.]

Skinner [parlando del coro della prima elementare]: ah, non era stupenda? Ed ora, i Babbo Natale di tutto il mondo, presentati per la vostra gioia dalla seconda elementare al completo.

[si vede prima il Babbo Natale tedesco; poi quello giapponese; infine c'è Lisa nei panni di Towanga, il Babbo Natale dei mari del sud: indossa una enorme maschera e una gonnellina, inoltre stringe in mano due torce con le quali improvvisa uno spettacolino]

Skinner: ed ora la quarta elementare ci delizierà con un bellissimo purè... eh... oh... purpurì di canzoni natalizie.

Marge: guarda, guarda papino quant'è dolce Bart, canta proprio come un angioletto!
Bart [con voce stonata]: jingle bell, Batman Gay, Robin scemo sei! la batmobile schifo fa, Joker che ci sta a fare! [detto questo viene trascinato via dal coro provocando un 'oh' di Homer]

Skinner: e ora la quinta elementare ci delizierà con una scena tratta da un 'Canto di Natale' di Charles Dickens.
Homer: auh, ma quante classi ci sono in questa scuola?

[tutti a casa: Bart e Lisa scrivono per terra, Marge sul divano mentre Homer si occupa delle decorazioni]

Marge: [scrivendo] Cari amici della famiglia Simpson, abbiamo avuto qualche dolore e qualche gioia quest'anno. il primo dolore: il nostro gattino Palla di Neve è stato investito ed è andato nel paradiso dei mici, ma ora abbiamo un nuovo gattino, Palla di Neve II, così pare che la vita continui. A proposito della vita che continua: il nonno è ancora tra noi, più arzillo che mai; Maggie cammina da sola [stacco su Maggie che cade ogni due passi]; Lisa ha preso tutti 10; e Bart...beh, noi gli vogliamo tanto bene. La magia delle feste ci rende tutti...
Homer: Marge! Non hai ancora finito con quella stupida lettera?
Marge [scrivendo]: Homer vi saluta con amore; buone feste firmato i Simpson.
Homer: Marge Marge dov'è finita la prolunga!
Marge: Oh, caspiterina Homer è nel cassetto degli arnesi!
Homer: scusami, sono solo un bambinone; sai? Il Natale mi piace così tanto...

[Homer apre il cassetto e lo fa sbattere contro la sua 'pancia']
Homer: Auh! Ogni anno la solita botta...

Marge: su ragazzi datemi le vostre lettere; le manderò al laboratorio di Babbo Natale su al polo nord.
Bart: fammi il favore! C'è un solo ciccione qui che porta i regali, e non si chiama Babbo Natale...

[Marge prende in mano la lettera di Lisa in cui c'è scritto varie volte 'un pony']
Marge: un pony? Oh Lisa è da tre anni che stai chiedendo la stessa cosa e io continuo a dirti che Babbo Natale non può infilare un pony nella sua slitta! Non riesci a capire al volo?
Lisa: ma io desidero tantissimo un pony e quest'anno sono stata super veramente buona!
Marge [prendendo in mano la lettera di Bart]: caspiterina! Speriamo che Bart sia più realista. Un tatuaggio!?!?
Homer: un ta...che??
Bart: e sì sono strafichi e durano una vita!
Marge: tu non avrai mai un tatuaggio da Babbo Natale!
Homer: certo, se ne vuoi uno dovrai pagartelo con i soldi del tuo dindarolo!
Bart: sbello!
Marge [contrariata]: Homer!!

[squilla il telefono ed Homer risponde]
Homer: Pronto?
Voce al telefono: Marge per favore...
Homer: chi parla?
Voce al telefono: posso parlare con Marge per favore?
Homer: è sua sorella che parla, vero!?
Voce al telefono: c'è Marge lì?
Homer: chi devo annunciare per favore?
Voce al telefono: Marge per favore!
Homer: [parlando a Marge] è tua sorella.
Marge: [parlando al telefono] pronto?
Patty: [la sorella] ciao Marge sono Patty; io e Selma non potremmo essere più entusiaste all'idea di vedere la nostra sorellina la vigilia di Natale.
Marge: anche io e Homer non vediamo l'ora di avervi qui con noi [mentre Homer fa finta di mettersi un dito in gola e vomitare]
Patty: qualcosa mi dice che Homer non è entusiasta; di tutti gli uomini che avresti potuto sposare non so perchè hai scelto uno così sgarbato.

[l'esterno della casa; Homer finisce di sistemare le ultime luci, ma cade dal tetto riversandosi sulla neve]
Bart: tombola!
Homer: va bene ragazzi, va bene! Pronti per essere abbagliati? Marge, attacca la corrente.
[si accendono solamente cinque misere lampadine di cui una si fulmina subito]
Homer: che ne pensate ragazzi?
Lisa: almeno ci hai provato...
Bart: che cess!

[nella casa a fianco anche Ned Flanders sta per attaccare la corrente]
Ned: datti una calmata figliolo...hey Simpson!
Homer: che cosa c'è Fanders.
Ned: pensi che così vada bene? Guarda un po'...
[la casa è incredibilmente ben illuminata; un Babbo Natale meccanico con la sua tipica risata e due suoi piccoli aiutanti con sulle spalle due grossi pacchi regalo, una scritta di enorme di 'merry xmas', mille luci psichedeliche, persino una giostra in giardino...]
Lisa: ahio che effetto!
Homer: bah, è troppo accecante! [infastidito] Flanders, il solito megalomane.

[inquadratura della famiglia che fa colazione dentro casa]
Marge: si va a fare le spese di Natale?
Lisa: io sì!
Bart: tutti al centro commerciale!
Marge: prendete i vostri soldi...
Bart [scappando]: money money money!
Homer: sputa l'osso Marge, dove li nascondevi i soldi di Natale?
Marge: vedi papi ho i miei segreti. Su, da bravo, voltati. [toglie il barattolo da dentro i capelli] Adesso puoi guardare!
Homer: barattolone ricco, mi ci ficco!

[al supermercato Bart trova la vetrina di 'The happy Sailor tattoo parlor' e qua vede un tatuaggio di un cuore con intorno una fascia su cui c'è la scritta 'mother'; così comincia a fantasticare su cosa penserebbe Marge...]
Marge: [nei pensieri di Bart] oh Bart sei stato carinissimo, è il più grande omaggio che una madre possa ricevere; ti fa sembrare un vero coattone...

[Bart entra nel negozio]
Bart: un mamma, per favore.
Commesso [con accento genovese] aspetta un momento, quanti anni ti gh'è?
Bart: 21 compiuti!
Commesso: vai sulla sedia.

[ora alla centrale nucleare dove Homer svogle 'diligentemente' il suo lavoro, segnando infatti come normale anche il valore di una spia che invece stava lampeggiando in rosso]
Smithers [voce che esce dall'altoparlante]: attenzione, a tutto il personale, per favore continuare a lavorare durante il seguente annuncio. Ed ora il nostro capo ed amico: Signor Burn.
[intanto Homre e tutti i suoi colleghi stanno mangiando come automi delle ciambelle]
Burns: Salve, sono orgoglioso di annunciarvi che siamo stati in grado di incrementare la sicurezza qui alla centrale senza incrementare il costo al consumatore o intaccare gli aumenti destinati all'amministrazione, tuttavia per voi operai pseudo-specializzati non ci sarà tredicesima! E ancora una cosa...Buon Natale!
Homer: comunque, grazie a Dio per il barattolone...

[di nuovo al supermercato]
Marge: caspiterina dove si è cacciato Bart!?
Bart: [con voce fuori campo]: ahio!
Marge [entra nel negozio di tatuaggi e vede Bart sulla sedia mentre il commesso sta finendo di scrivere la parola mother per ora compare solo MOTH]: adesso ci penso io!
Bart: ma mamma pensavo che ti sarebbe piaciuto!

[nello studio di un medico]
Medico: sì signora Simpson, noi possiamo rimuovere il tatuaggio di suo figlio, è una semplice procedura a bombardamenti laser.
Bart: da favola!
Medico: comunque è parecchio dispendioso e richiediamo un pagamento in contanti anticipato.
Marge: in contanti? Meno male che questo mese c'è la tredicesima mensilità di Homer...

[Bart è sul lettino con il laser puntato]
Bart: bestiale!!
Medico: ora mi raccomando ragazzo, non vorrai che questo laser ti finisca nell'occhio o nell'inguine...

[a casa dove Bart è sul divano che guarda la televisione. Lisa e Maggie sono in piedi di fianco a lui e la prima gli tocca con il dito il braccio infortunato]
Bart: Ahia! Ciucciati il calzino!
[Lisa gli tocca ancora il braccio]
Bart: Ahia! Ciucciati il calzino!
[Ancora Lisa...]
Bart: Ahia! Ciucciati il calzino!
[ora Maggie]
Bart: Ahia! Ciucciati il calzino!
[arriva Homer]
Homer: ehy, e quello che sarebbe? [e gli tocca il braccio]
Bart: Ahia! Ciucciati il calzino! Una volta era un tatuaggio da capo banda...
Lisa: mamma ha speso tutti i soldi di Natale per rimuoverlo chirurgicamente.
[arriva Marge con il barattolo vuoto e Homer urla con le braccia verso l'alto]
Homer: è vero! il barattolo è vuoto, oh mio Dio siamo rovinati! Natale è annullato, niente regali per nessuno [si appoggia contro il muro e piange]
Marge: non ti preoccupare papi, quest'anno basterà stiracchiare più del solito la tua tredicesima.
[Homer urla ancora]
Marge: che c'è!?
Homer [fa finta di riprendersi]: già, è vero! La mia tredicesima. Che sciocco sono stato, questa sera sarà il più bel Natale della nostra vita, il migliore che qualsiasi famiglia abbia mai avuto, e certo...

[uscito di casa si deprime ancora di più osservando prima le sue illuminazioni e poi quelle di Flanders; così abbassa depresso la testa verso il basso]

[nuova scena; Homer e Marge sono a letto: il primo con un'espressione preoccupata, la seconda sta leggendo la lista dei regali]
Marge: ho la sensazione che tu mi nasconda qualcosa, Homer.
Homer: oh, ti amo tanto Marge.
Marge: questo me lo dici sempre...
Homer: ah, bene, perchè io ti amo veramente e non ti merito quanto uno che abbia un portafoglio portafoglio mallopposo e una carta di credito che non faccia scattare quell'orribile allarme.
Marge: penso che abbia a che fare con la tua tredicesima, o sbaglio; continuo a chiedertela ma tu fai finta di niente.
Homer: Marge, ehm, voglio essere onesto con te...
Marge: sì!?
Homer: vedi, io pensavo...[intanto guarda l'espressione felice e speranzosa della moglie che intanto gli accarezza una mano]...quest'anno voglio farli io lo shopping di Natale.
Marge: bene, certo, come vuoi.

[Marge spegne la luce e luminosi rimangono solo lo sguardo ed il sorriso di Homer]


[Inquadratura di un negozio, il Circus of Va non lues, in cui nessun prezzo sale sopra i 5 dollari]

Homer: Marge, Marge, Marge, vediamo, ooouh, guarda qui, collant! Pratici e seducenti, un pacco da 6. Solo 4 dollari 99 centesimi. Ehy, block notes! Scommetto che Bart ci può fare un milione di cose con questi. Rimane solo la piccola Maggie. Ooh, guarda qui, un giocattolino sonoro, c'è scritto per cani, oh ma tanto lei non sa leggere!

[fuori dal negozio Homer si scontra con Flanders e i regali di entrambi si sparpagliano per terra]
Ned: oh, Simpson sei tu!
Homer: ciao Flanders.
Ned: oh accidenti abbiamo intralciato il traffico. Beh, vediamo un po', quali sono i tuoi? Quali sono i miei?
Homer: vediamo un po...
Ned: questo è mio, questo è mio, questo è mio e questo è mio...
Homer: sono tutti tuoi!
Rod: ehy signor Simpson le è caduta una costoletta di maiale.
Homer: dammi qua!
Ned: buon Natale Simpson...
Rod: per bacco papà, questo sarà il nostro più bel Natale.

[da Boe...]
Boe: che ti prende Homer, qualcuno ha lasciato un toccone di carbone nella tua calza? E' tutto il giorno che stai lì a succhiarti quella birra...
Homer: allora?
Boe: allora? E' Natale! [e gli regala un dolcetto]
Homer: ah, grazie Boe.
[entra Barney vestito da Babbo Natale]
Barney: salve! Da bere per tutti!
Homer: ma come diavolo ti sei conciato Barney?
Barney: mi sono trovato un lavoro part-time come Babbo Natale giù al centro commerciale.
Homer: mitico posso farlo anch'io?
Barney: non lo so, so che sono piuttosto selettivi [mentre intanto beve birra e rutta...]

[e Homer va al colloquio]
Impiegato: a lei piacciono i bambini?
Homer: che cosa intende? In ogni momento? Anche quando sono scatenati?
[l'Impiegato annuisce]
Homer: eh, ma certamente...sì
Impiegato: benvenuto Simpson, sempre che lei supera con successo il nostro corso di addestramento.

[al corso tutti gli aspiranti Babbo Natale ripetono 'Ho ho ho' in continuazione...]
Istruttore: adesso cosa c'è Simpson?
Homer: quando verremo pagati?
Istruttore: non vedrete un centesimo prima della vigilia. Ora riprendiamo dall'inizio
[la 'classe' a questo punto perde tutto l'entusiasmo di prima e ripete 'Ho ho ho' con meno fervore]

[Homer in piedi alla lavagna con l'istruttore dietro ad interrogarlo]
Homer: Eolo, Pisolo, Mammolo, Brontolo, Cucciolo, Dotto...Rambo e Rocky.
Istruttore: si sieda Simpson...

[Homer con in braccio l'istruttore...]
Homer: e tu bimbetto che cosa vorresti ricevere?
Istruttore: tu non sei veramente Babbo Natale...
Homer: [caricando il pugno] altolà!!
Istruttore: no, no, Homer! Se dovesse presentarsi una simile emergenza devi solo dire che Babbo Natale è molto occupato in questo periodo dell'anno e che tu sei uno dei suoi aiutanti.
Homer: auwh, sapevo anche questa!

[Homer entra a casa e lascia il cappello da Babbo Natale nell'appendino all'ingresso]
Marge: Homer! Sei in ritardo di sette ore!
Homer: non parlare Marge, vado ad infilarmi dritto dritto nella vasca da bagno...
Marge: ma papi ci sono le mie sorelle, non vuoi salutarle?
[Homer rabbrividisce]

[Lisa e Bart sono 'coccolati' allo stremo dalle due zie e quando Homer entra gli si buttano addosso in cerca di salvezza. Homer chiede 'cosa, perchè?', ma poi guarda le sorelle di Marge e capisce desolatamente al volo]
Homer: ciao Patty, ciao Selma. Com'è andato il viaggio?
Selma: bene.
Homer: avete una bella cera tutt'e due.
Patty: grazie.
Homer: sì, beh, buon Natale!
Selma: ah, è Natale? Non si direbbe da queste parti...
Homer: che vorresti dire con questo?
Patty: beh, non c'è neanche l'albero...
Homer: ah sì? Pensa stavo proprio per andare a prenderne uno!
[Homer esce di casa con Bart e Lisa che lo implorano invano di portarli con lui]

[lungo la strada i seguenti cartelli letti con la voce di Homer: 'alberi da 75 dollari'; 'alberi da 60 dollari in su'; 'alberi di Natale leggermente irregolari...45 dollari'; 'vietato l'accesso'. Homer si introduce taglia con una motosega un bell'albero ma il padrone lo scopre e lo insegue senza fortuna con i cani]

[di nuovo a casa con l'albero vicino alla finestra]
Homer: allora? Che cosa ne pensate ragazzi? Non è un albero?
Bart e Lisa: Bello! Bello!
Selma: perchè c'è una casina per uccelli?
Homer: ahem, quello è un ornamento.
Patty: c'è odore di polvere da sparo.

[Homer, vestito da Babbo Natale, è nell'apposito stand allestito per le feste]
Bambino [con una ciambella in mano]: e poi voglio dei robotoidi e voglio un mostro stomacoso, e poi voglio un enorme gigantesco...
Homer: figliolo, non ti servono tutte queste schifezze. Sono certo che tu hai già qualcosa di molto più importante: una casa decente, un padre amorevole che farebbe qualsiasi cosa per te...ehy senti, non posso permettermi nemmeno un panino, fammi dare un morso alla tua ciambella
[detto fatto ecco la foto del bambino con 'Homer Natale' che gli morde la ciambella]

[dall'alto Bart, Milhouse ed un altro bambino guardano lo stand natalizio senza esser a conoscenza che sotto quel costume si cela Homer]
Milhouse: guardate che razza di Babbeo Natale è quello lì.
Amico: non posso credere che quei bambini se la bevano.
Bart: scommetto che non hai il coraggio di sederti sulle sue ginocchia!
Milhouse: ah sì? E io scommetto che tu non hai il coraggio di strappargli la barba...
Bart: ah, touchè!

[intanto Homer continua a lavorare...]
Bambina: spero che tu ti senta meglio Babbo Natale.
Homer: oh, starò meglio quando se ne saranno andate le sorelle della signora Babbo Natale. Grazie per avermi ascoltato bimba.
[ecco che Bart viene fatto sedere sulle ginocchia del padre...]
Bart: ehy babbone come butta, amico!?
Homer: come ti chiami Bar...ehm...mio piccolo padre.
Bart: sono Bart Simpson e tu chi sei?
Homer: sono il vecchio giocondo san Nicola...
Bart: ah sì? Beh adesso lo vediamo eh?
[e così Bart gli strappa la finta barba e viene immortalato mentre si rende conto che l'uomo nel costume era il padre]
Bart: Homer!
Homer: voglio dirti due paroline nella casetta di Babbo Natale ragazzino mio! Coprimi follettino...
[dentro la casetta]
Bart: non uccidermi pa', non sapevo che eri tu.
Homer: nessuno lo sa, è un segreto. Quest'anno non ho ricevuto la mia tredicesima ma pur di non far passare un Natale da cani alla mia famiglia farei qualunque cosa.
Bart: accidenti pa', devi volerci proprio bene per cadere così in basso.
Homer: al bando i sentimentalismi figliolo, ho un lavoro da portare a termine! [uscendo dalla casetta] Ehy marmocchietti, Babbo Natale è tornato! [ma batte la testa contro lo stipite e impreca con bambini e genitori che lo guardano stupefatti]

[Homer e Bart negli uffici a ritirare la paga per il lavoro da Babbo Natale...]
Homer: eh figliolo, un giorno conoscerai la soddisfazione del giorno paga: un bell'assegno sostanzioso per un lavoro ben fatto.
Cassiera: Simpson Homer? Ecco a lei...
Homer: forza ragazzo, andiamo ad incassare questo bel gruzzolone e comprare regali per...aah! 13 dollari? [torna dalla cassiera...] Hey aspetta un momento!
Cassiera: proprio così 120 dollari lordi meno la previdenza sociale meno l'assicurazione contro la disoccupazione meno il corso da Babbo Natale meno il costume...
[Homer rassegnato e deluso si butta su un divano]
Bart: coraggio pa' andiamo a casa...
Homer: 13 miseri dollari, non si può comprare niente con 13 miseri dollari!
[arriva Barney]
Barney: che pacchia! 13 dollaroni, Springfield Down sto arrivando!
Homer: cosa?
Barney: mi hai sentito, sto andando al cinodromo, ho un cagnolino vincente nella quarta corsa, vuoi venire?
Homer: scusa Barney, forse sono un totale fallimento come padre, ma non ho intenzione di portare mio figlio in uno squallido cinodromo la vigilia di Natale...
Barney: dai su Homer, il cagnolino si chiama Turbine: un colpo da 10 ad 1, è come metterli in.
Homer: niente da fare!
Bart: su forza pa', questo potrebbe essere il miracolo che salverà il Natale dei Simpson. Se la tv mi ha insegnato qualcosa è che i miracoli a Natale avvengono sempre ai bambini poveri: è successo a Peter Pan, è successo a Charlie Brown, è successo ai puffi e succederà anche a noi no?!
Homer: va bene d'accordo andiamo, senti ma che c'entra Peter Pan?

[a casa Simpson gli altri componenti della famiglia più Patty, Selma e il nonno sono sul divano a guardare la televisione; c'è un cartone i cui protagonisti sono due piccoli folletti preoccupati di passare un brutto Natale]
Lisa: oh, no!
Abe: che rottura!
Selma: dov'è tuo marito?
Patty: sì è già tardi...
Marge: andava a cantare con Bart le canzoni di Natale.

[vista dell'ingresso dell'ippodromo dove Barney e Bart entrano canticchiando una canzoncina...]
Homer: non posso credere a quello che sto facendo...

[interno dell'ippodromo: bordo pista]
Homer: ehy Barney mi fai vedere chi è Turbine?
Barney: il numero 6; è quello il nostro cane fortunato, quello lì, lo vedi? Corre nella quarta corsa...
Home: cosa?? Quel mucchietto d'ossa [..] artritiche.
[dal megafono lo speaker annuncia che il numero 8 sarà rimpiazzato da un cane chiamato 'Piccolo Aiutante di Babbo Natale']
Homer: Bart!? Hai sentito che nome? Il piccolo aiutante di Babbo Natale, è un segno, è un presagio!
Bart: è una coincidenza pa'...
[ma Homer è già a scommettere nonostante la posta sia 99 a 1]
Homer: mitico! 99 per 13 uguale un buon buonissimo Natale!
Bart: non so perchè ho un brutto presentimento.
Homer: non hai fiducia in me figliolo?
Bart: aehm...
Homer: forza ragazzo a volte la tua fiducia è la sola cosa che mi sprona!
Bart: ok, dacci dentro pa'...

[di nuovo a casa Simpson dove Lisa è sempre presa dal cartone animato in cui i folletti sono di nuovo felici]
Lisa: evviva!
Abe: una palla bella e buona...
Patty: sono quasi le 9...
Selma: ma quando torna?
Patty: è tipico di quel grande smidollato rovinare tutto.
Lisa: cos'hai detto zi'?
Patty: oh, niente cara...sto solo demolendo un po' tuo padre.
Lisa: beh, desidererei che tu non lo facessi, perchè a parte il fatto che ha le stesse debolezze di tutti gli esseri umani, lui è il solo padre che ho perciò egli è il mio modello della mascolinità e la mia stima per lui governerà la prospettiva della mia vita da adulta; così spero che tu tenga a mente che qualsiasi colpo inferto a lui è un colpo inferto a me e io sono fin troppo giovane per difendermi da tali speronate...
Patty: mmm, guardati i cartoni animati cara.

[all'ippodromo Homer sta baciando il biglietto della scommessa]
Homer: coraggio Bart, bacia il biglietto, sai che porta fortuna? Non è che ci serva...dehihiho!

[parte la gara: il Piccolo Aiutante di Babbo Natale è ultimo già dall'inizio mentre Turbine è subito primo]
Bart: non ti preccuparti pa', forse questo è solo per creare suspance prima che si avveri il miracolo.
[tra gli incitamenti e il tifo di Homer e Bart vince però Turbine con gran distacco; Homer sbatte la testa volontariamente contro la ringhiera]
Bart: io non c'ero, se c'ero dormivo, se dormivo sognavo un'altra cosa...
Homer: non me ne andrò finchè il nostro cane non avrà tagliato il traguardo...[passano i secondi]...eh, lasciamo perdere andiamocene.

[fuori dall'ippodromo Homer e Bart stanno cercando biglietti vincenti quando prima Barney passa in macchina con accanto una donna e subito dopo assistono all'abbandono di Piccolo Aiutante di Babbo Natale; il cane scappando dal vecchio padrone salta subito in braccio ad Homer]
Bart: oh possiamo tenerlo pa'? Ti prego è tenerone!
Homer: ma è un perdente, è un patetico, è [il cane lecca Homer sulla guacia]...è un Simpson!

[ancora a casa Simpson...il nonno dorme]
Marge: devo chiamare la polizia?
Patty: domani gli passerà la sbornia...
Selma: sì, e tornerà a casa ciondolando...
Patty: con quel puzzolente profumo da quattro soldi!
[entra Homer ancora vestito da Babbo Natale...]
Marge: Homer!
Abe [svegliandosi di colpo]: eh, chi è? Io sono innocente...
Homer: va bene statemi a sentire tutti, ho una confessione da farvi.
Patty [parlando a Selma]: moriremo dal ridere!
Homer: non ho ricevuto la mia tredicesima; volevo evitare di rovinarvi le feste, ma per quanto io ce l'abbia messa tutta non ci sono riuscito...
Bart [spuntando da dietro il padre]: ehy gente, guardate un po' chi c'è!?
[e presenta il cane che comincia subito ad abbaiare allegramente tra la felicità della famiglia]
Lisa: allora l'amore a prima vista è possibile!
Bart: e se scappa non ci vorrà niente a riprenderlo...
Marge: oh, questo è il più bel regalo di tutti Homer!
Homer: sul serio?
Marge: sì pensa, una creatura da amare e che fa scappare i ladri!
Lisa: come si chiama?
Homer: numero 8...ehm voglio dire, Piccolo Aiutante di Babbo Natale.

[la puntata si chiude con una cartolina di tutta la famiglia riunita attorno al cane e con la scritta 'merry Christmas from the Simpsons' e ancora la famiglia intera che intona canti natalizi accompagnati dal nonno al piano]

[un caloroso ringraziamento a Zyw]