Ricerca:
                                                                                                                                                                                                  In questo periodo I Simpson non sono trasmessi su nessun canale televisivo Italiano, visita sempre l'Hoemrata e iscriviti alla NewsLetter per restare sempre aggiornato.                                                                                                                                                                                                   
il cartone il film il cartoneil cartoneextras

HOMEPAGE > IL CARTONE > EPISODI CAPSULA

Capsula

Fratelli coltelli [4F14]

Capsula dell'episodio

fiogf49gjkf0d
[L’ episodio inizia con i Simpson che guardano la TV; Marge, Homer e Maggie sono sul divano e Bart e Lisa sono a terra sdraiati]
Voce in TV: in diretta dalla favolosa, grandissima zona all’ aperto del settore D del penitenziario di Springfield… ecco a voi lo special di Krusty il Clown dal carcere!
[si vede in TV la faccia di Krusty dietro le sbarre con scritto “Krusty il Clown speciale prigione”; Krusty suona con una chitarra una canzone e davanti a lui sono seduti tutti i carcerati]
Krusty [in TV, cantando in inglese e suonando]: ho steso un deficiente a Tahoe. Mi sono beccato da uno a tre anni. [Serpente segue il ritmo, contento] Il mio avvocato stracostoso mi ha fatto uscire grazie a un cavillo. Sono solo in visita qui alla Prigione di Springfield. Stanotte dormirò a casa!
Carcerati [in TV, arrabbiati]: ma che diavolo sta dicendo! Ehi! Buuu!
Krusty [in TV]: ehi, ehi! Scherzo! Scherzo perché amo… lo volete sapere? Le persone migliori soni i carcerati!
Carcerati [in TV, esultanti]: ah! Bravo! Sì!
Bart: cacchio! Krusty li fa impazzire! In ogni criminale batte il cuore di un ragazzino di diec’ anni!
Lisa: è viceversa!
Marge: però ricordati, Bart! I carcerati non sono fichi! Spesso è gente cattiva!
Bart: però il loro sporco lavoro lo portano a termine!
[in TV Krusty ha un microfono; tocca la pancia di un carcerato grasso]
Krusty [in TV]: ehi! Ora lo so dove finiscono le mie tasse!
[Krusty ride di gusto e ride anche il carcerato; poi Krusty si sposta e vede Telespalla Bob]
Krusty [in TV]: ehi ehi! è la mia vecchia spalla della TV Telespalla Bob! Per Diana, sono anni che non ci si vede! [porge a Bob il microfono] Che hai combinato durante questo tempo, Bob?
Telespalla Bob [in TV, parlando nel microfono]: beh, Krusty, come forse ricordi, ho tentato di incastrarti per rapina a mano armata e di uccidere Selma Bouvier!
[Krusty cerca di riprendere il microfono ma Bob lo riporta a se]
Telespalla Bob [in TV, parlando nel microfono]: ho truccato le elezioni per il sindaco, ho tentato di annientare Springfield con un congegno nucleare e ho tentato di uccidere te!
[Krusty riprende il microfono]
Krusty [in TV, parlando nel microfono]: ah, già! Già!
[porge il microfono a Bob]
Telespalla Bob [in TV, parlando nel microfono]: e quando avevo un momento di tempo libero ho tentato di uccidere Bart Simpson!
[Bart indica Bob in TV urlando e scappa nella sua stanza]
Homer: ha detto tentato!
Marge: hmm… qualcuno dovrebbe salire e parlare con lui!
Lisa [alzandosi e camminando, triste]: ahhh…
Homer [sollevato]: ouf!
Marge [arrabbiata]: Homer!
Homer [triste]: ohu… tutte quelle scale!
[Marge e Homer si alzano dal divano e camminano]


[la scena si sposta nella camera di Bart; Bart è rannicchiato nel letto, spaventato e Marge, Homer e Lisa sono accanto a lui]
Marge [sedendosi sul letto]: oh! Non hai di che preoccuparti, tesoro!
Homer: tua madre ha ragione, Bart! Certo, sei stato tu a mandare a monte tutti quei piani criminali di Telespalla Bob!
Marge: a proposito, siamo molto fieri di te!
Homer [avvicinandosi a Bart]: certo! E probabilmente lui è talmente accecato dalla rabbia che ti triterebbe orribilmente se potesse!
Marge: ma è al sicuro! Dietro le sbarre!
Homer: una prigione di media sicurezza!
Marge: per tutta la vita!
Homer: sempre che non riesca ad evadere!
Marge: è impossibile!
Homer: è quello che si crede! Solo che l’ ha già fatto parecchie altre volte!
Bart [pauroso]: grazie per le buone parole! Ma Telespalla Bob mi vuole morto! E Telespalla Bob è una macchina assassina inarrestabile!


[la scena si sposta dentro la piccola chiesa della prigione di Springfield; Telespalla Bob canta accompagnato dall’ organo]
Telespalla Bob [cantando]: una volta io mi smarrii, ma ora son qui! Non vedevo ma ora sì!
[nei banchi della chiesa sono seduti alcuni carcerati; il reverendo Lovejoy è seduto su una sedia e si alza]
Reverendo Lovejoy: bellissima! Davvero incantevole! E voialtri carcerati potreste beneficiare del suo splendido esempio!
Tre carcerati [lamentandosi]: non ci penso nemmeno! No!
Telespalla Bob: reverendo, il suo apprezzamento mi procurerà un sacco di botte!
Reverendo Lovejoy: mi dispiace Bob! Ma la tua trasformazione è veramente incoraggiante!
Telespalla Bob: già… io sono un buono, un buon uomo!


[Bob e il reverendo Lovejoy camminano per il corridoio della prigione]
Reverendo Lovejoy [camminando]: è difficile credere che questo prigioniero modello sia lo stesso demonio mostruoso che una volta si candidò a sindaco! Ho fatto bene a raccomandarti nel programma carcerario per un amore esterno!
Telespalla Bob [fermandosi]: io? Sono commosso, dico davvero! Ma non troverà mai nessuno disposto ad assumere un cinque volte reo come me!
Reverendo Lovejoy: e invece l’ ho già trovato!
[il reverendo apre la porta della stanza delle visite ai carcerati; Bob ci entra, attraversa la stanza dove sono seduti i carcerati che parlano coi loro parenti e vede oltre il vetro un uomo dai capelli biondi simili a lui e dal naso a punta]
Telespalla Bob: Cecil! Ma sei davvero tu?
Cecil: ciao, fratello, sono felice di vederti!
[Bob e Cecil si siedono]
Telespalla Bob: ma sono passati dieci anni! Non ci parliamo da quella… spiacevolezza!
Cecil: la veglia funebre di Andy Warhol?
Telespalla Bob: no no no no no… intendo il nostro battibecco!
Cecil: oh, quello! Storia antica ormai… ricominciamo tutto daccapo! Vieni a lavorare per me!
Telespalla Bob: questo è fantastico, Cecil! Ma tu lo sai che avevo quel… [si schiarisce la voce] problemino… la mania omicida!
Cecil: santo cielo! Non ne avevo idea! Perché, vedi, io in quest’ ultimo decennio ho vissuto su Marte, in una caverna, con gli occhi chiusi e le dita nelle orecchie!
Telespalla Bob: tu osceni, Cecil!
Cecil: sono consapevole del tuo passato criminoso, ma sei sempre mio fratello! E il sangue per me non è certo pane e acqua!
Telespalla Bob: non ti devi preoccupare! La mia pila assassina si è scaricata!
[Lovejoy era seduto dietro Bob]
Reverendo Lovejoy [alzandosi]: lode al Signore! E così sia…


[una guardia apre la porta della stanza delle visite; Bob esce da lì e abbraccia Cecil. Compare il giornale con una foto di Bob e Cecil con scritto “Maniaco si trasferisce nell’ appartamento del fratello”]


[ora si vedono le porte del carcere che si aprono ed escono Bob, Cecil coi piedi lunghi quanto il fratello, Quimby, il reverendo Lovejoy e Winchester; davanti a loro molti cittadini di Springfield protestano e tengono cartelli con scritto “Bob chiuso a chiave”, “State facendo uno sbaglio”, “Caccia a Bob” e “Crimine sì, criminali no”; tra la folla ci sono anche i Simpson e Bart si nasconde spaventato dietro Homer]
Marge [tra le urla della folla]: come vi è saltato in mente di liberare telespalla Bob?
Bart: è tutta una farsa solo per uscire di prigione! è un maniaco!
Quimby: Bob non è un maniaco! Ha spiegato le ragioni per le quali tentò di ucciderci e vi assicuro che erano tutte perfettamente sane!
Folla [urlando arrabbiata]: ma lei sta scherzando, spero?
Telespalla Bob [avanzando verso la folla]: amici! Vi prego! Non faccio mistero del mio passato… ma il nostro sistema di giustizia non si basa sull’ idea che un uomo può cambiare?
Winchester [sottovoce, a Eddie e Lou]: controllate se questo è vero!
Telespalla Bob: so di non meritarmi un’ altra occasione, ma questa è l’ America! E come americano non è ho forse diritto?
Un uomo [alzando il pugno]: probabilmente!
Telespalla Bob: può nei vostri cuori battere l’ impulso di farmi vivere e lavorare in pace?
Folla [esultante]: sìììì! Giusto! Bravo, Bob! Bravo Bob, giusto!
[la folla tutta esultante, tranne i Simpson, va da Bob; arriva Cecil nella sua auto; Bob sale in macchina salutando la folla]
Voce 1 nella folla: sei fantastico, Bob!
Voce 2 nella folla: fatti valere!
Voce 3 nella folla: buona fortuna!
[l’ auto parte]
Voce 4 nella folla: arrivederci!
[Bart corre dal sindaco Quimby]
Bart [rivolto a Quimby]: lei non capisce cosa ha fatto? Telespalla Bob è una iena! è pura perfidia! Ohh… chissà cosa gli passa per la testa?


[la scena si sposta nella macchina dove sono Bob e Cecil; la visuale si sposta sulla testa di Bob]
Telespalla Bob [voce nel pensiero]: spero che vendano ancora quello shampoo che mi piace tanto!
[L’ auto passa accanto a un cartello che un uomo sta dipingendo dove è scritto “Benvenuti a Springfield, dimora di Telespalla Bob”]


[su sfondo nero si vede la scritta “Frasier è uno show di successo sulla rete televisiva NBC”; la scena si sposta nell’ appartamento di Cecil; Bob e Cecil entrano e vanno verso un bancone con gli sgabelli]
Cecil [camminando, rivolto a Bob]: ora fa come se fossi a casa tua! Ti andrebbe un bicchiere di Bordeaux? [entra nel balcone e prende due bottiglie] Ho dello Chateau La Tour dell’ ’82 e un notevole Rosan Siegel.
Telespalla Bob [sedendosi su uno sgabello]: sono stato in prigione, Cecil! Mi basta solo che non abbia il sapore di un’ aranciata fermentata sotto un termosifone!
Cecil: sarebbe a dire il La Tour!
[posa una bottiglia e versa il contenuto dell’ altra in un bicchiere]


[la scena si sposta a casa Simpson, Bart prega in ginocchio davanti al suo letto e Homer e Marge ascoltano dietro la porta]
Bart: Signore benedici la mamma, il papà, Lisa e Maggie, e ti prego Signore, uccidi Telespalla Bob!
[Marge e Homer entrano nella stanza]
Marge: Bart, no!
Bart: Signore, o me o lui!
[Marge gli separa le mani giunte]
Marge: non si può chiedere al buon Dio di uccidere qualcuno!
[Marge va via]
Homer: certo! Il lavoro sporco va fatto da solo!
[Homer va via e Bart e preoccupato]


[la scena torna a casa di Cecil: Bob e Cecil mangiano a tavola]
Telespalla Bob [pulendosi con un tovagliolo]: immagino che dovrei chiederti che lavoro svolgi, visto che dovrò lavorare con te!
Cecil [reggendo il bicchiere]: per me, Bob! Per me! Vedi, caro fratello, sono ingegnere capo idrologico e idrodinamico di Springfield!
Telespalla Bob [reggendo il bicchiere]: idrologico e idrodinamico… altro che raggiungere la vetta!
Cecil [reggendo il bicchiere]: puoi ridacchiare quanto ti pare, Bob!
Telespalla Bob [reggendo il bicchiere]: grazie, credo che lo farò! [beve dal bicchiere]
Cecil [reggendo il bicchiere]: sai, si ottiene maggior rispetto se si è umili funzionari pubblici piuttosto che maniaci omicidi, o la spalla di un clown!
Telespalla Bob [indicando Cecil]: ah-ah! Lo sapevo! Ti brucia ancora che Krusty abbia scelto me anziché te!
Cecil: non so di cosa stai parlando!
Telespalla Bob: su, andiamo! Volevi fare da spalla a Krusty da quando avevi cinque anni! E che mi dici di quelle lezioni di pagliaccio, in quattro anni all’ università per clown!
Cecil: ti prego di non definire Princeton con questi termini!
Telespalla Bob [alzandosi]: il punto è che mi incolpi ancora per ciò che è accaduto al tuo provino!
[Cecil è triste]


[comincia un ricordo di dieci anni prima: Bob e Cecil sono al teatro di Krusty dove si tengono i “provini per le telespalle”: Bob è vestito elegantemente e con il cappello, Cecil è vestito da clown con dei guanti giganti e Krusty è seduto con degli assistenti in tribuna]
Cecil [rivolto a Bob]: grazie per avermi accompagnato, fratellone! Questi guanti giganti da clown fanno ridere da morire! Ma con loro è impossibile cambiare marcia!
Telespalla Bob: sembra la battuta di un film di Gianni e Pinotto, non ti pare?
Krusty: numero 73, tocca a te! Facci ridere!
[Cecil vestito da clown arriva sul palco con un rullo di tamburi e si schiarisce la voce]
Cecil: ehi, ragazzi! Eccomi a voi, Telespalla Cecil!
Krusty: ehh… avanti il prossimo!
Cecil: ehm… avevo preparato un numero con torte in faccia!
Krusty [scocciato, rivolto a Cecil]: ahh… e va bene! Fa come ti pare, amico! [fa cenno a qualcuno con la mano] Al!
[una torta arriva in faccia a Cecil, che sorride a braccia aperte]
Krusty [rivolto a Cecil]: devi sapere una cosa, sapientone! La gag della torta è divertente solo quando il babbeo ha un’ aria dignitosa! Come quello lì!
[Krusty indica Bob]
Krusty: ehi, Al! Una bella torta a Lord de Chiappetton!
[una torta arriva in faccia a Bob sporcandolo e facendogli volare il cappello e facendogli rizzare i grandi capelli rossi]
Telespalla Bob: oh, dei!
[Krusty e tutti i suoi assistenti ridono di gusto; Bob e arrabbiato, ma poi si rallegra e fa un inchino]
Krusty: quello lì è un genio! Questo cambierà l’ intero concetto delle torte in faccia! Capite? [rivolto a Bob] Charleston, da oggi sei assunto!
[tutti applaudono e Cecil è triste]


[la scena ritorna nel presente, a casa di Cecil, a tavola]
Cecil: quando quella torta ti ha preso in faccia ho visto svanire i miei ogni in una nuvola di crema e pastafrolla! [girandosi verso Bob] Ma in fondo dovrei ringraziarti! Mi hai condotto alla mia vera vocazione!
Telespalla Bob: Cecil, nessuna civiltà nella storia ha ma considerato vocazione l’ essere ingegnere capo idrologico!
[Cecil si schiarisce la gola con aria di superiorità]
Telespalla Bob: sì, sì… i Cappa Dociani, va bene…
[Bob beve dal bicchiere]


[Bob e Cecil camminano su un alto costone di roccia e si fermano a guardare il fiume che scorre a valle]
Cecil: et voilà! Ecco dove sorgerà la futura diga idroelettrica di Springfield!
Telespalla Bob: pensare a quella energia impetuosa mi fa chiedere: che diavolo me ne importa?
Cecil: ti importa! Perché supervisionerai la squadra degli operai!
Telespalla Bob: oh, magnifico… ogni volta che passerà una donna sarà compito mio dare il via ai fischi! [esultante] Oh, che pupa! Curve pericolose… davanzale coi fiocchi!
Cecil: oh, dai, Bob! Questa è la tua occasione per dimostrare alla gente che sai fare un lavoro onesto!
[Bart spia Bob col binocolo dai cespugli; accanto a lui c’ è Milhouse]
Bart: sta organizzando qualcosa di losco! Qualcosa che ha a che fare con l’ acqua della città!
Milhouse: forse farà la pipì nel fiume!
Bart: uhm… no! Quello non è il suo stile!
[Bob vede il riflesso sul binocolo di Bart]
Telespalla Bob: chi è quello? Ma… è Bart Simpson! [salutando] Ciao, Bart!
[Bart si nasconde tra i cespugli]
Telespalla Bob [rivolto a Cecil]: è un po’ timido perché ho tentato di ucciderlo tante di quelle volte…
Cecil: ah!


[la scena si sposta al ristorante “Pimento Grove”; Bob e Edna Kaprapall sono seduti a un tavolo]
Telespalla Bob: ti devo ringraziare di cuore per questo momento di tranquillità, Edna. Lo sai, non mi vedo con una donna da sei anni!
Signora Kaprapall: oh, il piacere è tutto mio, Bob! è così eccitante uscire con un assassino!
Telespalla Bob: a onor del vero, non sono mai riuscito ad uccidere qualcuno!
Signora Kaprapall: oh… [mangia una verdura] capisco!
[Bart è seduto al tavolo accanto e spia Bob e la Kaprapall da dietro il menù]
Telespalla Bob [rivolto alla Kaprapall]: una volta ho provato ad uccidere il più grande latin lover del mondo! Ma mi sono reso conto che c’ è una legge contro il suicidio!
[Bob e la Kaprapall ridono]
Telespalla Bob: hai capito a cosa alludo?
[Bob e la Kaprapall stanno per baciarsi ma arriva Bart]
Bart: signora Kaprapall, no! Quello è Telespalla Bob!
Signora Kaprapall [arrabbiata]: ah… questa è l’ ultima volta che annuncerò in classe i miei inviti a cena! [va via dal tavolo]
Telespalla Bob [triste, rivolto a Bart]: quella… era Edna Kaprapall! Si ha una sola occasione con Edna Kaprapall! Sarai contento adesso!
Bart: non sarò contento finché non saprò cosa ti frulla in testa! [camminando all’ indietro, indicando Bob] Ovunque andrai, qualunque cosa farai, sarò lì a guardare e ad aspettare!
[Winchester è seduto al tavolo dietro Bob]
Winchester [rivolto a Bob]: parla così ma scommetto che presto si arrenderà! [torna a mangiare]


[la scena si sposta al cantiere in cima alla diga in fase di costruzione; Bob è nel suo camper e guarda dei progetti; entra Cecil dalla porta]
Cecil: ciao fratello! Tutto bene, spero!
Telespalla Bob: un corno! Gli operai che mi hai dato non sanno la differenza tra il loro di dietro e il buco che hanno provocato per sbaglio con una mina!
Cecil: suvvia! Parli come se fossero una chioccolata di ciuchi bifolchi!
[arriva Cletus vestito da operaio]
Cletus: signor Terwilliger, fai svelto! Giù alla betoniera c’ è un frigo di rogne, signore!


[Cletus cammina nel cantiere in cima alla diga seguito da Bob e Cecil]
Cletus [camminando]: vedete, cugino Merl e me giocavamo al tira bastone con Ghic, il nostro vecchio segugio e…
[si vede un cane ricoperto di cemento sotto una betoniera, lì accanto ci sono il cugino di Cletus e altri operai]
Cugino Merl [chino sul cane]: Ghic se ne è andato in paradiso, signor Terwilliger!
Telespalla Bob: oh… cugino Merl… dico io!
Cecil: buono, buono! Lo sai che quasi spesso cugino Merl fa cilecca?
Telespalla Bob: ti sto dicendo, Cecil, che non ce la faccio più! Quei buzzurri di operai hanno trasformato la latrina in un affumicatoio!
[si vede il piccolo bagno che contiene salsicce e quarti di bue]
Telespalla Bob: hanno tute con pettine al posto sbagliato!
[si vede che una pettina si apre facendo vedere il sedere di un operaio]
Telespalla Bob: e c’ è un ragazzino psicopatico che non la smette di starmi alle calcagna, questo ragazzino qui!
[Bob sposta un tubo di ferro legato a una corda e lì dentro si vede Bart]
Telespalla Bob [con voce spaventosa e tetra]: certe volte vorrei che questa diga scoppiasse e sommergesse questa maledetta città!


[Bart e Lisa camminano di notte vicino all’ appartamento di Cecil; Bart si avvicina ad un cassonetto della spazzatura]
Lisa: ehi! Avevi detto che andavamo al fast-food!
[Bart entra nel cassonetto]
Bart [reggendo spazzatura]: ho mentito! Ora rovistiamo tra la spazzatura di Bob in cerca di indizi, poi ti porto all’ acquapark!
Lisa [saltando nel cassonetto]: ok!
[Bart e Lisa frugano tra l’ immondizia ma si vede l’ ombra di Bob; Bart e Lisa urlano di terrore e Bob è lì con dei sacchi di spazzatura]
Telespalla Bob [reggendo i sacchi]: ancora voi? [fa cadere i sacchi] Beh, ora basta! [con voce spaventosa e tetra] Farò quello che avrei dovuto fare molto tempo fa!


[si sente bussare alla porta di casa Simpson; Marge apre la porta e vede Bob sull’ uscio]
Telespalla Bob: signora, i suoi figli non sono più…
[dopo una pausa si vede che Bob tiene Bart e Lisa dai loro colletti; arriva Homer]
Telespalla Bob: …sopportabili! Perché sono dei terribili piantagrane e molto maleducati!
Homer: anche Lisa?
Telespalla Bob [guardando Lisa]: soprattutto Lisa! [guardando Bart] Ma soprattutto Bart! [rivolto a Marge e Homer] Se mi capitano tra i piedi ancora una volta, solo una volta… [fa cadere Bart e Lisa] Beh, non sarò responsabile delle mie azioni!
[Bob esce sbattendo la porta]
Homer [rivolto a Bart e a Lisa]: spero che Bob vi abbia dato da mangiare perché io mi sono pappato la vostra cena!
Lisa [camminando con Bart]: so che è difficile da accettare, Bart, ma è la realtà! Telespalla Bob è cambiato!
Bart: no! Non è vero! è sempre più lo stesso di prima! E io so dove trovare le prove! C’ è solo un posto dove potrebbero essere!
Lisa: nel camper di Bob giù al cantiere?
Bart: questo è ancora meglio, andiamo lì!
[Bart e Lisa camminano verso la porta]
Lisa [camminando]: tu che avevi in mente?
Bart [camminando]: la miniera stregata!


[ora la scena si sposta, sempre di notte, al cantiere della diga; Bart e Lisa entrano nel camper di Bob dalla finestra; Lisa accende la luce e Bart fruga fra delle carte]
Bart [guardando i fogli]: oggetti, fatture per cemento, piani di costruzione…
Lisa [davanti al cassetto di un archivio]: se fossi meno intelligente crederei alla storia della diga!
Bart: ah sì? Allora spiegami… questo! [gira verso Lisa una valigetta piena di dollari]
Lisa [sorpresa]: Bart! Ci saranno milioni di dollari lì dentro! [si mette in ginocchio davanti alla valigetta]
Bart: cosa ci fa Telespalla Bob con tutti questi… eh!
[si sente il rumore della maniglia della porta di vetro e si vede Bob da dietro la porta, da un pugno nel vetro, rompendolo e apre la maniglia dall’ interno; bart e Lisa urlano di terrore e Bob entra nel camper]
Telespalla Bob: chi ha lasciato le luci accese? [guardando in giro per il camper] Chi c’ è qui? Cletus? Cugino Merl? Panzone Joe?
[Bob vede la testa di Bart dietro un distributore dell’ acqua]
Bart: temo che ci abbia individuati…
Lisa: scappiamo!
[Bart prende la valigetta e scappa con Lisa]
Telespalla Bob: voi due!
[Bart e Lisa escono fuori dal camper e corrono dentro la sala turbina]
Telespalla Bob [inseguendo Bart e Lisa]: attenzione! C’ è idroelettricità lì dentro!


[Bart e Lisa corrono per le scale su e giù inseguiti da Bob: in sottofondo si sente una musica inquietante; poi Bob entra nella grande sala turbina dove ci sono grandi turbine ad acqua: anche Bart e Lisa sono lì dentro]
Telespalla Bob [camminando verso Bart e Lisa]: ragazzini, la volete smettere di tormentarmi? Non ho fatto nulla di male!
Bart: arrenditi, Bob! Abbiamo trovato il malloppo! [fa vedere a Bob la valigetta piena di soldi]
Telespalla Bob: e quelli da dove spuntano fuori? Non avevo mai visto quei soldi prima d’ ora!
Lisa: allora vorrà dire che avevi gli occhi chiusi quando te li sei fregati!
Telespalla Bob: ve l’ ho detto! Non sono più un criminale! Volete sapere che cosa ho architettato? [indica Bart] Eccotela qui una prova, amico! Migliaia e migliaia di tonnellate di cemento armato! [prende a pugni la parete della stanza; si formano delle crepe e il muro crolla facendo vedere che all’ interno è vuoto]
Telespalla Bob: è completamente vuoto! Che fine ha fatto tutto il cemento?
Lisa [rivolta a Bob]: hai fatto tagli sui materiali di costruzione, ti sei intascato i soldi! Ecco che fine ha fatto!
Bart: attacca, Lisa!
[Lisa corre verso Bob tirando pugni, ringhiando e urlando; Bob la ferma con una mano]
Telespalla Bob: ma io non mi occupavo del denaro! Lo faceva Cecil! [spinge Lisa che smette di attaccare] Smettiamola di litigare e andiamo via! Questa diga potrebbe crollare da un minuto all’ altro!
Cecil [voce]: un minuto dopo l’ alba, per essere precisi!
[si vede Cecil all’ entrata della sala turbina con una pistola in una mano e della dinamite nell’ altra]
Telespalla Bob [voce]: Cecil!
Cecil: una volta saltata in aria la diga, addio prove di carenza di cemento! E io taglierò la corda con quindici milioni di dollari!
Lisa [con le mani in alto]: ma lo sapranno tutti che sei stato tu?
Cecil: forse… [camminando] o forse incolperanno il maestro del crimine… insomma, quello che ha lavorato alla diga e ha un risentimento verso Springfield!
Telespalla Bob [con le mani in alto]: so bene che cugino Merl ha passato i suoi guai con il fisco, ma lui non è affatto un maestro del cri… [sorpreso] ti riferisci a me?
Cecil: sì! Ti sto incastrando e sto facendo anche un lavoro in meno!
Telespalla Bob: aspetta un momento… tutto questo è perché sono diventato io la spalla di Krusty al posto tuo, vero?
Cecil: rimanga fra noi, sì! Ma ufficialmente l’ ho fatto per i soldi! A proposito [punta la pistola contro Bart] molla qua la grana!
[Bart gli da la valigetta e Cecil cammina indietro puntando la pistola; arriva alla porta blindata della stanza]
Cecil: addio!
[chiude la porta blindata; Bart e Lisa si guardano; la porta blindata si riapre e ricompare Cecil]
Cecil: ho dimenticato un dettaglio: farò saltare la diga con voi dentro!
Telespalla Bob: questo era ovvio!
[Cecil chiude la porta blindata e Bart tenta di aprirla inutilmente]
Lisa: oh! Non c’ è speranza! Nessuna, nessuna speranza!
Telespalla Bob: ah, capisco! Quando si tratta di un piano mio non vedete l’ ora di smascherarlo, ma quando è Cecil a tentare di uccidervi dite “non c’ è speranza! Nessuna, nessuna speranza!” Perciò se non lo smascherate voi lo farò io da solo!
[Bob prende un’ asse di legno; sale le scale e getta l’ asse in una turbina, bloccandola]
Telespalla Bob: avanti! Presto!
[Lisa si avvia verso le scale ma Bart resta fermo]
Telespalla Bob: Bart… per una volta non sto cercando di ucciderti! [Lisa sale le scale] So bene che è una situazione imbarazzante e non piace né a me né a te! Ma devi fidarti di me!
[Bart guarda Bob; Bob sorride guardando Bart]
Bart: eh… mi ciuccio il calzino!
[Bart sale la scala; Bob prende Bart e Lisa e insieme si gettano urlando nel buco del canale di scarico della turbina bloccata; l’ asse di legno si rompe e Bob, Bart e Lisa scivolano urlando nel canale di scarico, poi sbattono contro una grata da dove esce tutta l’ acqua del canale; vedono una botola con delle scalette in alto a loro]


[la botola si apre e ne esce Bob tossendo e pieno di foglie bagnate; Bob aiuta Lisa e Bart a salire: anche loro tossiscono]
Bart: rifacciamolo ancora!
Lisa: no!
Telespalla Bob: forza, ragazzi! Andiamo a dare una lezione a mio fratello!


[si vede che ormai è l’ alba; Cecil lega la miccia della dinamite intorno alla ringhiera della diga]
Cecil [cantando]: io sono in cima al mondo e guardo in basso, in basso la creazione, è l’ unica spiegazione che so trovare! Sììì!
[Bob e Lisa salgono le scale delle impalcature della diga e vanno dietro la dinamite; Bob esce una piccola cesoia per tagliare i fili della dinamite]
Lisa: ehm… ma lo sai quello che fai?
Telespalla Bob: Lisa! Non si vivono dieci anni da maniaco omicida senza imparare un paio di cosette sulla dinamite!
[Cecil è su un alto costone di roccia accanto alla diga: ai suoi piedi ci sono il detonatore e la valigetta]
Cecil: stantuffo: prima mossa! Casco: seconda mossa! [si mette un elmetto] Quindici milioni di dollari e pistola: scacco matto!
[Cecil guarda dentro la valigetta e la riposa a terra; Bart è lì vicino]
Cecil [guardando verso la diga]: addio, Bob! [mette le mani sul detonatore]
Bart [lanciandosi contro Cecil]: noooo!
[Bart salta sulla testa di Cecil e gli tappa gli occhi]
Bart: indovina chi è?
Cecil: Casper?
[Bart toglie l’ elmetto a Cecil e glielo sbatte in testa]
Cecil: ahi! Ahi!
[Cecil tenta di liberarsi; afferra la valigetta e tenta di sbatterla addosso a Bart; la valigetta si apre e i soldi e la pistola cadono giù dal costone di roccia]
Cecil: ooooooh! Maledizione!
[Bob sta per tagliare i fili, concentrato]
Lisa [urlando]: Bob! Guarda!
[Bob guarda Cecil che tenta di togliersi Bart di dosso, Bart gli tira i capelli, ma Cecil riesce a prenderlo]
Cecil [tenendo Bart in alto]: finalmente farò quello che Bob non è mai riuscito a fare! Uccidere Bart Simpson!
[va verso la fine del costone]
Bart: gettandomi da una diga? Non è un tantino squallido per un genio come te?
Cecil [tenendo Bart]: oh, hai ragione! Ma… se me lo chiederanno, mentirò!
[Cecil getta Bart giù dal costone di roccia: Bart urla]
Lisa: oh no! Bart!
[Bob afferra la dinamite e si lancia giù dalla diga, verso Bart reggendosi col filo della miccia: riesce ad afferrare Bart, che però cade tirando Bob dalla gamba: Bart e Bob cadono urlando ma il filo della miccia tira il detonatore che si incaglia nella ringhiera della diga: ora Bob è aggrappato alla dinamite e Bart è aggrappato alla gamba di Bob; si vede Cecil alla ringhiera]
Telespalla Bob [reggendosi alla dinamite]: Cecil!
Cecil [con le mani sul detonatore]: e ora vi ammazzerò! Sentirete un leggero ronzio nelle orecchie, ma non le avrete più attaccate alla testa!
Bart [aggrappato a Bob]: pare che ci siamo! Comunque grazie!
[Bob tira fuori dalla tasca la piccola cesoia]
Telespalla Bob [reggendosi alla dinamite e tenendo in una mano la cesoia]: sai, potrei tagliare i fili! Cadremo comunque verso la morte, ma salveremo l’ intera città! Bart, che ne diresti di fare un’ azione incredibilmente eroica?
Bart: è proprio necessario?
Telespalla Bob: sì!
[Cecil schiaccia il detonatore ma Bob taglia subito i fili con la cesoia: Bart e Bob cadono giù dalla diga urlando ma Bob sbatte con le gambe su un tubo d’ acciaio vicino a un’ impalcatura. Bart fa girare completamente Bob sul tubo e salta sull’ impalcatura]
Bart: hop!
[Bart afferra Bob per la gamba e fa salire anche lui sull’ impalcatura]
Telespalla Bob: tu… tu mi hai salvato la vita, Bart!
Bart: sì… questo significa che non potrai mai più tentare di uccidermi!
Telespalla Bob [con voce spaventosa e tetra]: oh, non ne sarei tanto sicuro!
Bart [spaventato]: ahh…
Telespalla Bob: scherzo, scherzo!
[si sentono le sirene della polizia e Bart e Bob salgono la scaletta di ferro sopra l’ impalcatura]


[si vedono le macchine della polizia; Bob è vicino a Bart e Lisa e Cecil è ammanettato dai poliziotti Eddie e Lou]
Telespalla Bob: hai coperto di vergogna questa famiglia, Cecil! Quest’ anno la mia lettera di Natele non farà piacere ai parenti! [cammina verso Cecil]
Cecil: e neanche a me leggerla! Ero convinto che tu fossi un pasticcione, ma distruggere questa città è molto più difficile di quanto pensassi!
[arriva un auto della polizia da dove esce Winchester]
Lou: ecco il suo uomo, commissario!
Winchester: Cecìl! Non credo proprio! [camminando verso Bob] Questa è opera del vecchio pazzoide Telespalla Bob!
[arriva Lisa correndo]
Lisa: no, commissario! Bob è innocente, è la verità!
Winchester: la verità, eh? E questa è la testimonianza della vecchia pazzoide Lisa Simpsòn!
Lou: ma Cecìl ha appena confessato di sua volontà, commissario!
Winchester: hai fatto un ottimo lavoro, Lou! Diventerai sergente per questo!
Lou: eh… sono già sergente, commissario!
Winchester: può darsi che tu lo sia, ma io dico che Bob se ne torna al fresco! [ammanetta Bob]
Telespalla Bob: ma insomma… voglio dire… Cecil l’ ho acciuffato io!
Winchester: ma, Lou dice qui che ha opposto resistenza all’ arresto!
Lou: non è vero, commissario!
Winchester: zitto, Lou! Altrimenti ti degraderò a sergente così in fretta da darti il capogiro!
[Winchester porta via Bob; si vedono Bart e Lisa]
Bart: non ti sembra strano, Lisa? [si vede la città di Springfield] Quella gente laggiù non ha la minima idea di aver sfiorato la completa distruzione!
[nella diga compaiono delle crepe al centro: la diga si distrugge e l’ acqua inonda Springfield]


[Homer è appena fuori da casa Simpson]
Homer [chiamando]: Marge! Io vado a cercare i ragazzi!
[Homer vede l’ onda di acqua gigantesca, urla e si chiude in casa; dopo apre la porta e vede che nella strada c’ è un letto con Ralph tutto bagnato]
Ralph: credo di aver fatto la pipì a letto!


[Eddie e Lou fanno entrare Bob e Cecil nella macchina della polizia e chiudono le portiere]
Telespalla Bob: non potete farmi questo! Sono io che ho salvato la vita di quei ragazzi! Io sono un eroe!
Cecil [rivolto a Bob]: dì loro che se ne pentiranno amaramente!
Telespalla Bob [sporgendosi dal finestrino]: ve ne pentirete amaramente!
[Bob si rende conto di ciò che ha detto]
Telespalla Bob [rivolto a Cecil]: oh! Tante grazie! Ora mi prendono per pazzo!
[l’ auto della polizia parte; Winchester la guarda allontanarsi]
Winchester: ecco che se ne vanno! Due geni del crimine rinchiusi insieme, che bello! Chissà quali altri piani diabolici riusciranno a concertare quei due!


[la scena si sposta nella prigione di Springfield: una guardia rinchiude insieme Bob e Cecil e va via; Bob cerca di salire sul letto superiore e ci prova anche Cecil: i due si schiaffeggiano]
Telespalla Bob [schiaffeggiando Cecil]: sono io il più grande! Il letto sopra spetta a me!
Cecil [schiaffeggiando Bob]: oh, panzanate! L’ ho reclamato io in tribunale!
Telespalla Bob [spingendo Cecil]: levati!
[Bob sale sul letto superiore e Cecil cade a terra; poi Cecil si rialza e si spolvera]
Cecil: insomma! Quando arriva il menù?



[Un caloroso ringraziamento a Vecchiogil]